calcio

Furti, risse, la pipì in campo e una buona parola per tutti: Jens Lehmann, il…numero uno dei portieri folli

Redazione Il Posticipo

 (Photo by Lars Baron/Bongarts/Getty Images)

Carattere di ferro e mani d’acciaio. Jens Lehmann si fa conoscere al panorama europeo alla scala del calcio. È il 1997 e la sfida di finale di Coppa Uefa fra Inter e Schalke si risolve ai calci di rigore. Il portiere entra nella storia del calcio della città della Ruhr con due interventi straordinari che neutralizzano le conclusioni di Winter e Zamorano e regalano la Coppa UEFA ai tedeschi.

Potresti esserti perso