Floro Flores e gli altri: quando il pallone salva dalla povertà, dalla guerra o da una vita difficile

Floro Flores e gli altri: quando il pallone salva dalla povertà, dalla guerra o da una vita difficile

La bella vita dei calciatori nasconde spesso tutte le enormi difficoltà vissute per arrivare all’apice del successo. A volte si tratta di vere e proprie lotte giornaliere per sopravvivere, per dei ragazzi che però trovano nel calcio la via di salvezza.

di Redazione Il Posticipo

Kuba

eAektkqTURBXy8xOTY0NmU2NzZlMWY4MGQ0YmFiNzEyOTM5Zjg2MGExMy5qcGVnkZMCAM0B5A

Una delle storie peggiori è quella dell’infanzia di Blaszczykowski. Nel 1996 il nazionale polacco aveva solo dieci anni. Quanto basta per capire e percepire il dramma familiare consumatosi sotto i suoi occhi: il padre pugnala la madre e la uccide. Quindici anni di carcere per suo padre e una madre persa per sempre. Una famiglia ed un’infanzia distrutte in un attimo. Kuba è rimasto con la nonna, che l’ha cresciuto e si è preso cura di lui. Forse è per questo passato duro e segnante che in campo Blaszczykowski non ha davvero paura di nulla….

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy