Da Milik a…Costinha: sliding doors Champions, quando un attimo cambia la storia

Da Milik a…Costinha: sliding doors Champions, quando un attimo cambia la storia

Certo, con i “se” e con i “ma” non si fa la storia, ma il Liverpool deve certamente ringraziare… Milik. Il gol sbagliato dal polacco nell’ultima partita del girone è la prima e forse più importante sliding door di questa Champions. E gli esempi non mancano anche in passato…

di Redazione Il Posticipo

Rischio fuorigioco

La Champions League 2002/03 è celebre in Italia perchè in finale a Manchester ci arrivano il Milan di Ancelotti e la Juventus di Lippi. Ma i rossoneri rischiano di fermarsi ai quarti di finale contro l’Ajax dei ragazzini terribili, con in campo un certo Ibrahimovic. L’andata ad Amsterdam finisce 0-0 e il 2-2 al novantesimo a San Siro condanna il Milan. Poi Inzaghi si inventa un gol dei suoi, che gli viene…scippato da Tomasson sulla linea. Il terrore dei milanisti è tangibile: è fuorigioco? No, il gol è valido e Ancelotti e i suoi finiranno per vincere la coppa. Ma se il danese fosse stato in offside…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy