calcio

Cruijff turn, il “tiraggir” e…l’Aurelio: quando il colpo di magia diventa tipico di un calciatore

Redazione Il Posticipo

 BOLOGNA, ITALY - FEBRUARY 23: Rodrigo Taddei # 11 of AS Roma in action during the Serie A match between Bologna FC and AS Roma at Stadio Renato Dall'Ara on February 23, 2014 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Uno dei più sorprendenti trick è stato l'Aurelio. Chiamato così in onore di mister Andreazzoli da Rodrigo Taddei. L'ex giocatore della Roma viene spesso ricordato come un esterno "di quantità" ma quando voleva, sapeva tirar fuori tantissima qualità. Proprio come nella partita contro l'Olympiakos: Taddei finge di toccare la palla di tacco, come per assecondare una sovrapposizione. Però il contatto col pallone cambia, la palla rimane attaccata al piede che aggira la gamba d'appoggio e spiazza l'avversario.