calcio

“Crazy Wazza” Rooney: l’attaccante volante fra talento e vizi…

Wayne Rooney, jl volo... di un campione, capace di giocate straordinarie, con qualche vizio di troppo.

Redazione Il Posticipo

MANCHESTER, ENGLAND - FEBRUARY 12:  Wayne Rooney of Manchester United celebrates with teammate Nani (R) after he scores a goal from an overhead kick during the Barclays Premier League match between Manchester United and Manchester City at Old Trafford on February 12, 2011 in Manchester, England.  (Photo by Alex Livesey/Getty Images)
 TALLINN, ESTONIA - OCTOBER 12: Wayne Rooney of England celebrates after scoring the opening goal from a free kick during the EURO 2016 Qualifier match between Estonia and England at A. Le Coq Arena on October 12, 2014 in Tallinn, Estonia. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Rooney, un talento straordinario in campo e... fuori. Difficile trovare chi riesce a cacciarsi nei guai con la frequenza del calciatore inglese che ha collezionato, quasi allo stesso modo, prime pagine sportive e di gossip. Da ragazzo prima e da uomo poi, Wayne continua a meritarsi l'appellativo di Wazza, degno erede di Gascoigne, anche se con meno eccessi. Tuttavia, la sua è la carriera di un calciatore capace di giocate straordinarie, ma con qualche vizio di troppo..

MANCHESTER, ENGLAND - FEBRUARY 12:  Wayne Rooney of Manchester United celebrates with teammate Nani (R) after he scores a goal from an overhead kick during the Barclays Premier League match between Manchester United and Manchester City at Old Trafford on February 12, 2011 in Manchester, England.  (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Wayne Rooney fa immediatamente ripensare alla sua celebre rovesciata contro il Manchester City nel 2011, che scrive una pagina indelebile della stracittadina e consegna alla storia del calcio inglese uno dei più forti e "matti" attaccanti che abbiano calcato i campi della Premier. Un talento esploso giovanissimo a mai forse pienamente compiuto. L’Europeo del 2004 consegna una stella che non sfugge allo United. Rooney ripaga l’investimento di Ferguson, che se ne innamora vedendolo all'Everton e per cinque volte le sue reti sono utili al successo in Premier League, oltre che fondamentali anche nel cammino nella Champions vinta nel 2008.