Conte e i suoi sfoghi storici: fra Inter, Juve, Capello, Mourinho e Galliani…non si salva nessuno

Conte e i suoi sfoghi storici: fra Inter, Juve, Capello, Mourinho e Galliani…non si salva nessuno

Lo sfogo dell’allenatore interista dopo la partita contro il Siviglia mette di nuovo al centro della scena il tecnico leccese. Che però è abituato. Del resto, Conte è evidentemente uno a cui piace vincere. Ma se le sue frasi generano spesso polemiche.

di Redazione Il Posticipo

Famiglia

(Photo by Ina Fassbender/Pool via Getty Images)

Per me è stata un’annata bellissima, ringrazio chi mi ha dato l’opportunità di fare un’esperienza bellissima. Ne è valsa la pena e ringrazierò sempre la società. Ma ho anche una famiglia e devo capire se la mia priorità resta il calcio perché a tutto c’è un limite e devo capire il mio dove arriva…

L’amaro in bocca per l’Inter resta. La finale di Europa League persa con il Siviglia è stata una prestazione importante, ma il discorso fatto da Conte preoccupa e non poco. Le parole del tecnico leccese sembrano preludere ad un addio dopo appena una stagione. Delusione post-match oppure un ragionamento più complesso, che prevede un finale di avventura inatteso, ma fino a un certo punto? Lo si scoprirà nei prossimi giorni, dopo le vacanze più volte citate dallo stesso allenatore. Ma si tratta dell’ennesimo sfogo che mette di nuovo al centro della scena il tecnico. Che però è abituato. Del resto, Conte è evidentemente uno a cui piace vincere. Ma se le sue frasi generano spesso polemiche.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy