Cina, Lippi non è più CT. E nelle nazionali, la scuola italiana è una sicurezza… ma non troppo

Il CT campione del mondo lascia le redini della Cina, che aveva ripreso con l’obiettivo di qualificarsi a Qatar 2022. Ma l’esperienza dell’allenatore viareggino dimostra che non va sempre bene ai tecnici italiani che tentano l’avventura sulla panchina di altre nazionali…

di Redazione Il Posticipo

LIPPI

16_lippi_getty

Marcello Lippi, CT campione del mondo, lascia le redini della Cina, che aveva ripreso con l’obiettivo di qualificarsi a Qatar 2022. La sconfitta con la Siria, però, è stata la goccia che fatto traboccare un vaso, già pieno di critiche soprattutto per lo stipendio faraonico che il condottiero di Berlino aveva ottenuto dalla federcalcio cinese. Del resto, l’idea era quella di prendere un rappresentante della scuola tricolore, che potesse proseguire la sua scia di successi e soddisfazioni importanti. Ma l’esperienza dell’allenatore viareggino dimostra che non va sempre bene ai tecnici italiani che tentano l’avventura sulla panchina di altre nazionali…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy