Beckham, Giggs e persino CR7: tutti gli…asciugacapelli di Sir Alex Ferguson

Settantanove anni e in fondo non sentirli neanche troppo. Il 31 dicembre 1941 nasce Sir Alex Ferguson. Il suo marchio di fabbrica? Le vittorie e l’asciugacapelli, ovvero le urla in faccia a brevissima distanza. E non si è salvato nessuno, come dimostrano le tante storie raccontate dai suoi ex giocatori nel corso degli anni…

di Redazione Il Posticipo

Beckham

(Photo by Ben Radford/Getty Images)

Oltre all’asciugacapelli, Beckham si è beccato anche uno…scarpino in faccia da Ferguson dopo un litigio negli spogliatoi. Ma già qualche anno prima, il tecnico lo aveva costretto a radersi a Wembley… Beckham si era presentato con un nuovo taglio di capelli ma per timore che fosse malvisto dall’allenatore aveva deciso di proteggerlo con un cappello. Timore ben riposto: “Sono entrato negli spogliatoi e lui non aveva ancora visto il taglio perché avevo troppa paura addirittura di mostrarglielo. Fino al giorno prima ero andato agli allenamenti con un berretto,  mi ci ero allenato, tornato, andato in hotel, cena, colazione, sull’autobus per andare allo stadio, tutto con il cappello in testa. Poi, però, mi sono preparato per la partita e l’ho tolto e…’Vai a raderti!’ Io ho sorriso ma lui: ‘no, sono serio, vai taglia via quella cresta!’ Quindi ho dovuto trovare qualche rasoio e mi sono rasato i capelli a zero a Wembley. L’allenatore ha sempre ragione”. Soprattutto se è Sir Alex.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy