Beckham, Giggs e persino CR7: tutti gli…asciugacapelli di Sir Alex Ferguson

Settantanove anni e in fondo non sentirli neanche troppo. Il 31 dicembre 1941 nasce Sir Alex Ferguson. Il suo marchio di fabbrica? Le vittorie e l’asciugacapelli, ovvero le urla in faccia a brevissima distanza. E non si è salvato nessuno, come dimostrano le tante storie raccontate dai suoi ex giocatori nel corso degli anni…

di Redazione Il Posticipo

Giggs

(Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

E che dire di Giggs, l’icona di quel Manchester United? Neanche lui si è salvato, come spiega Lee Sharpe. I due si stavano preparando per uscire, ma alla porta…si presenta Sir Alex. “Pensavamo fosse il tassista, ma arriva un altro ragazzo delle giovanili e ci fa ‘c’è il boss di sotto'”. E il boss, per chi non lo sapesse, è proprio Sir Alex, che evidentemente ha avuto informazioni sulla serata dei suoi calciatori e ha seguito il gallese. Ferguson intima a Sharpe di mandare tutti a casa, dando…anche una mano: “Cacciava tutti a calci nel sedere, dava schiaffi dietro alla testa alle persone… È andato da Ryan e gli ha urlato in faccia: ‘Sei una vergogna, una delusione per tua madre, per la tua famiglia, per tutti quanti’. Il tutto mentre il mio San Bernardo se lo voleva mangiare perchè ci urlava contro”. Insomma, mai deludere Sir Alex…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy