Beckham, Giggs e persino CR7: tutti gli…asciugacapelli di Sir Alex Ferguson

Settantanove anni e in fondo non sentirli neanche troppo. Il 31 dicembre 1941 nasce Sir Alex Ferguson. Il suo marchio di fabbrica? Le vittorie e l’asciugacapelli, ovvero le urla in faccia a brevissima distanza. E non si è salvato nessuno, come dimostrano le tante storie raccontate dai suoi ex giocatori nel corso degli anni…

di Redazione Il Posticipo

Nani

(Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Da un portoghese all’altro, è il turno di Nani. Che sbaglia un rigore contro il Fulham e ne paga le conseguenze…  “Stavo giocando bene e avevo molta fiducia in me stesso. Ci danno un rigore e doveva tirarlo Giggs, ma io mi sentivo di farlo io e Ryan non ha detto nulla. Tiro e lo sbaglio, con quel gol saremmo andati sul 3-1. Nello spogliatoio Ferguson mi ha massacrato. ‘Chi ti credi di essere? Chi ti ha dato il permesso di tirare il rigore? Ryan?’. E poi se l’è presa con Giggs. ‘Perchè glielo hai fatto tirare?’. E lui ha risposto: ‘perchè si è preso il pallone e l’ho lasciato fare’. Un momento assurdo”. Così come il viaggio di ritorno, perchè a Nani tocca anche…scorrazzare il tecnico in macchina. “L’ho accompagnato a casa e per tutto il tragitto non mi ha detto una parola. Mi sono sentito molto a disagio”. Comprensibile…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy