Beckham, Giggs e persino CR7: tutti gli…asciugacapelli di Sir Alex Ferguson

Settantanove anni e in fondo non sentirli neanche troppo. Il 31 dicembre 1941 nasce Sir Alex Ferguson. Il suo marchio di fabbrica? Le vittorie e l’asciugacapelli, ovvero le urla in faccia a brevissima distanza. E non si è salvato nessuno, come dimostrano le tante storie raccontate dai suoi ex giocatori nel corso degli anni…

di Redazione Il Posticipo

CR7

(Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Persino Cristiano Ronaldo, che pure è sempre stato un pupillo dello scozzese, si è beccato qualche asciugacapelli. E il primo lo ricorda Rio Ferdinand. CR7 è arrivato da poco, fa troppi dribbling in partita e lo scozzese…la prende male.  “Nello spogliatoio Ferguson era impossibile da calmare: ‘Chi ti credi di essere? Vuoi giocare da solo? Non sarai mai un calciatore se fai così’. Ronaldo ha cominciato a piangere. Gli altri calciatori lo hanno lasciato stare. Doveva imparare. Ed era un messaggio da parte della squadra, non solo da Ferguson. Tutti quanti pensavano che dovesse imparare”. Cinque Palloni d’Oro dopo, la missione è conclusa…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy