calcio

Ballando il Rock’n gol: le follie di Daniel Osvaldo, animo caliente tra reti, donne e scontri…

Redazione Il Posticipo

Arriva in Italia che è poco più di un bambino e il suo carattere già caliente cozza con il clima freddo di Bergamo. Del resto, non è facile arrivare dal sudamerica a vent'anni e ritrovarsi coperti da una coltre di neve. La reazione è umanissima. "Mi sono ritrovato a Bergamo solo in una stanza d’albergo, nel mezzo del nulla, e con fuori la neve. Non conoscevo la lingua, non c’era la mia famiglia, né i miei amici, non sentivo le voci del mio quartiere. Ero disperato, ho iniziato a piangere e non ho smesso più". Poi ha iniziato anche a segnare. Prima Lecce, poi Firenze, quindi l'Espanyol di Barcellona. E la Roma.