calcio

Auguri Nils! Il mito del Barone Liedholm attraverso i decenni, tra idee geniali e molti eredi vincenti

L'8 ottobre 1922 nasceva Nils Liedholm. E anche a più di vent'anni dalla sua ultima panchina, la leggenda del Barone continua a vivere attraverso le nuove generazioni. Normale. A tratti quasi logico, visto l'impatto dello svedese sul calcio...

Francesco Cavallini

L'8 ottobre 1922 nasceva Nils Liedholm. E anche a più di vent'anni dalla sua ultima panchina, la leggenda del Barone continua a vivere attraverso le nuove generazioni. Tra un post e un altro, ragazzi del 2000 condividono sui social le foto del tecnico svedese, citano i suoi leggendari aforismi e guardano con affetto, pur non avendolo mai visto su una panchina, a un uomo che ha rappresentato molto per tutto il movimento calcistico nazionale. Normale. A tratti quasi logico. Tra il fattore tecnico e quello umano, di motivi per amare ancora oggi la figura di Nils Liedholm ce ne sono anche troppi. La tattica, la tecnica (chi non sapeva dare del tu al pallone era condannato a ore di battimuro), il carisma, la scaramanzia, persino l'oroscopo, secondo cui i migliori calciatori erano quelli della bilancia. Che poi il Barone fosse nato a inizio ottobre, doveva essere certamente una strana coincidenza...