calcio

Auguri a Milito, il simbolo dei ranocchi di mercato di Serie A… diventati principi

Redazione Il Posticipo

Nell’estate del 2010, l’uruguaiano Cavani del Palermo passa al Napoli per la gioia di Zamparini che intasca 17 milioni di euro e pensa di avere realizzato un grande affare liberandosi di quell'attaccante poco prolifico, che segna appena 37 reti in 114 presenze. Mazzarri invece lo mette in mezzo a Hamsik e Lavezzi. Risultato? 26 gol. Il Napoli vola e conquista il terzo posto e la qualificazione in Champions, indovinando un affare che poi garantirà ai partenopei anche una enorme plusvalenza.