calcio

Attaccante cercasi: la maglia azzurra pesa e Mancini lo sa bene…

Mancini è in cerca di un bomber, ma tantissimi calciatori soffrono della sindrome di Dr Jekyll e Mr Hyde in nazionale. Bomber capaci di spaccare le porte in campionato e quasi impalpabili con la selezione. Anche il CT non ne è esente.

Redazione Il Posticipo

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)
 (Getty Images)

Attaccanti in difficoltà in azzurro. Esattamente come il CT della nazionale Roberto Mancini che, paradossalmente non ha mai avuto un grande rapporto con la nazionale. Segna un gol e poi insulta tutti agli Europei in Germania, poi si eclissa a Italia 1990 e paga lo scarso feeling con Arrigo Sacchi. La sua carriera è infinita ma trova sempre un "preferito". Vicini gli preferisce Baggio, Sacchi invece sceglie Zola. Nel 1998 arriva il turno di Del Piero. Chiude con 36 presenze e 4 reti. Quasi nulla in relazione alla sua classe.