Atalanta academy: dalla Dea all’Olimpo del calcio il passo è breve

Atalanta academy: dalla Dea all’Olimpo del calcio il passo è breve

Maestra di rivalutazione, ma di anche crescita. Le fortune dell’Atalanta passano anche attraverso la scelta di giovanissimi calciatori, che crescono nel vivaio o vengono acquistati e lanciati nel calcio che conta. L’accademia bergamasca è un serbatoio pressochè inesauribile di talenti.

di Redazione Il Posticipo

GABBIADINI

Non solo esterni e centrocampisti. La scuola bergamasca sforna anche dei signori registi offensivi ed attaccanti. L’ultimo, in ordine di tempo, è Manolo Gabbiadini, che ha le stimmate del campione: nella sua prima stagione a Bergamo da giocatore vero (2011-2012) finisce immediatamente nel mirino della Juventus che lo acquista in comproprietà. Il resto della carriera non sarà all’altezza delle attese, ma il talento resta indiscusso, sebbene parzialmente inespresso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy