Atalanta academy: dalla Dea all’Olimpo del calcio il passo è breve

Atalanta academy: dalla Dea all’Olimpo del calcio il passo è breve

Maestra di rivalutazione, ma di anche crescita. Le fortune dell’Atalanta passano anche attraverso la scelta di giovanissimi calciatori, che crescono nel vivaio o vengono acquistati e lanciati nel calcio che conta. L’accademia bergamasca è un serbatoio pressochè inesauribile di talenti.

di Redazione Il Posticipo

CALDARA

Classe 1994, Caldara si impone immediatamente in prima squadra con la qualità di un veterano. Nell’Atalanta di Gasperini diviene il punto fermo di una difesa che guida con straordinaria autorità come il suo idolo Alessando Nesta. Passa alla Juventus che poi lo gira al Milan nell’affare Higuain. E i rossoneri ora lo hanno rimandato a Bergamo, dove cercherà di riprendersi dopo anni complicati. Ma restano le stimmate del predestinato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy