Ansia, paure, dolore e depressione: Ilicic e gli altri, quando il peggior avversario di un calciatore è se stesso

Ansia, paure, dolore e depressione: Ilicic e gli altri, quando il peggior avversario di un calciatore è se stesso

I soldi, le vittorie, la notorietà fanno la felicità? Non sempre. Ansia, paure, dolore e depressione sono compagni più comuni di quanto si possa pensare per un calciatore professionista. Il caso di Ilicic è solo l’ennesima dimostrazione che la lotta contro se stessi è un destino che accomuna molti giocatori…

di Redazione Il Posticipo

Lotta contro se stessi

I soldi, le vittorie, la notorietà fanno la felicità? Non sempre. Ansia, paure, dolore e depressione sono compagni più comuni di quanto si possa pensare per un calciatore professionista. Josip Ilicic, prima del Covid, era la stella dell’Atalanta. Ma poi il dolore di Bergamo è diventato il suo, costringendolo a prendersi una pausa dal campo e a tornare nella sua Slovenia per cercare di ritrovarsi, saltando con tutta probabilità il match più importante della sua carriera, il quarto di finale di Champions League contro il PSG. Il suo caso, del resto, è solo l’ennesima dimostrazione che la lotta contro se stessi è un destino che accomuna molti calciatori…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy