Alla fine… torno a casa: i giramondo che terminano la carriera dove tutto è cominciato

Mario Balotelli ha rivelato di voler chiudere la propria carriera al Brescia, nella città dove tutto è cominciato. Non sarebbe certo il primo caso in cui un calciatore gira il mondo e poi torna a casa per dare gli ultimi calci al pallone.

di Redazione Il Posticipo

Altro che brasiliani

Veron-Man-Utd-756536

Per confermare l’assunto iniziale, ossia che la ‘saudade’ non è prerogativa dei soli brasiliani, si porteranno diversi esempi degli acerrimi rivali dei carioca: gli argentini. Si può cominciare con uno dei migliori centrocampisti dell’ultimo mezzo secolo: Juan Sebastian Veron. Dopo aver cominciato a tirare calci al pallone con la maglia dell’Estudiantes, ha giocato per Boca Juniors, Sampdoria, Parma, Lazio, Manchester United, Chelsea e Inter. Poi torna a casa per sei anni, riesce (forse per fare la spesa) e va al Coronel, torna in biancorosso, riparte per l’Estrella de Berisso e alla fine, mette le pantofole dopo un’ultima stagione a casa sua. Con una sola presenza-tributo. Ma adesso…è presidente!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy