Mediapro, tutto secondo copione…

Di Francesco Paolo Traisci. Il Tribunale di Milano ha riconosciuto l’illegittimità dei bandi per la subconcessione dei diritti audiovisivi per i prossimi tre campionati elaborati da Mediapro. E adesso cosa succede?

Tutto secondo copione… Il Tribunale di Milano ha riconosciuto l’illegittimità dei bandi per la subconcessione dei diritti audiovisivi per i prossimi tre campionati, confermando a pieno i dubbi che avevamo più volte manifestato. Nessuna sorpresa per un esito già pronosticato sin dalla pubblicazione del provvedimento con il quale l’Antitrust ha sancito la regolarità della procedura di aggiudicazione a Mediapro, avvertendola tuttavia che ci sarebbero state delle regole da rispettare. Non bisognava quindi essere dei maghi del diritto per accorgersi che i bandi di subconcessione successivamente elaborati dagli spagnoli contenevano evidenti forzature. Forzature che qualcuno avrebbe sicuramente messo in evidenza in sede giudiziaria. E così è puntualmente avvenuto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy