Zlatan è tornato: “Sono cambiato, ma non fatemi arrabbiare…”

Zlatan è tornato: “Sono cambiato, ma non fatemi arrabbiare…”

Doppietta, qualche scontro con gli avversari e dichiarazioni sopra le righe. Il Re è tornato e finalmente i Galaxy si godono una vittoria targata Ibrahimovic.

di Redazione Il Posticipo

Il Ritorno del Re. E, parlando di Los Angeles e quindi di Hollywood, era decisamente il caso di aspettarsi un kolossal. Detto, fatto e i critici di certo non saranno rimasti delusi. La vittoria dei Galaxy contro il Real Salt Lake City è netta e finalmente è targata Ibrahimovic. Due reti da…rapace dell’area di rigore, sfruttando gli errori della difesa avversaria, che firmano il 3-0 casalingo e che confermano un trend. Se Zlatan segna, la squadra vince (o al massimo, una sola volta, pareggia). Un qualcosa che di recente sembrava succedere di rado impossibile e che aveva contributo a qualche critica sull’effettiva importanza dello svedese nello scacchiere tattico dei californiani.

CAMBIATO – Ibra ha risposto, come al solito, sul campo. Ma anche davanti ai microfoni nel post-partita ha segnato un’altra doppietta. La prima…marcatura, riportata sul sito ufficiale del club, è arrivata nei confronti di chi, lesa maestà, nelle scorse settimane ha messo in dubbio la sua centralità nel progetto Galaxy e la sua prolificità sotto rete. “Quando all’Ajax lavoravo con Van Basten, lui mi diceva che la miglior cosa che potessi fare per aiutare la squadra era segnare, perché questo è quello che fanno i centravanti. Ma ora sono un calciatore diverso. Sono cambiato. Posso fare tutto quello che mi chiede l’allenatore. E anche se non segno, cerco di aiutare i compagni di squadra a segnare”.

BENZINA SUL FUOCO – Ma è meglio segnare o far segnare gli altri? Zlatan è stufo di questa storia e non fa nulla per nasconderlo. “Sentite, se non segno e vinciamo sono contento esattamente come quando vinciamo con un mio gol”. Meglio evitare il confronto quando Ibra è carico. Lo hanno imparato a proprie spese i difensori del Real Salt Lake City, che gli hanno riservato attenzioni particolari ma che alla fine lo hanno ritrovato due volte sul tabellino dei marcatori. Interventi duri e provocazioni sono un problema? Macché, uno stimolo in più. “Mi caricano, è come se buttassero benzina sul fuoco. Ed è meglio non farmi arrabbiare…”. Visto il talento, ma anche la mole, difficile dare torto a Zlatan…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy