Wijnaldum, ginnasta mancato… e calciatore per caso? “Da bambino non sognavo la Champions ma…”

Wijnaldum, ginnasta mancato… e calciatore per caso? “Da bambino non sognavo la Champions ma…”

Il centrocampista del Liverpool ha una segnato una doppietta al Barcellona nella semifinale di ritorno ad Anfield e si gioca l’opportunità di diventare campione d’Europa. Da bambino però sognava di fare ben altro nella vita!

di Redazione Il Posticipo

Oggi Georginio Wijnaldum sogna la Champions, ma in passato aveva ben altri pensieri per la testa. Il centrocampista olandese ha segnato una doppietta fondamentale per stendere il Barcellona al ritorno delle semifinali di Champions: i Reds hanno vinto 4-0 dopo aver perso all’andata 3-0 e hanno conquistato il pass per la finale. Senza il “ginnasta mancato” gli uomini di Jürgen Klopp oggi sarebbero fuori dalla competizione europea? Probabilmente sì…

GINNASTA MANCATO – Wijnaldum è la sorpresa di questa Champions, ma quando era un bambino non sognava di giocare una finale nella massima competizione calcistica europea. L’olandese da ragazzino non era ossessionato dal calcio: il suo sport preferito era la ginnastica. Wijnaldum ha deciso di dedicarsi al calcio soltanto dai 10 anni in poi nelle giovanili dello Sparta Rotterdam come rivelato ai microfoni di Press Association Sport: “Mi interessava solo la ginnastica”. L’olandese non sa nemmeno quale è la stata la prima finale di Champions che ha visto nella sua vita e ricorda solo alcuni momenti della famosa vittoria del Liverpool a Istanbul nel 2004-05 contro il Milan: “Per questo motivo non conosco molti  giocatori! Non vedevo le partite in passato. Quando ero allo Sparta Rotterdam ci davano gli abbonamenti, ma li regalavo sempre ai miei amici perché ci potessero andare con le loro famiglie”

CONTROCORRENTE – Oggi Wijnaldum decide le semifinali di Champions, ma nonostante questo continua ad essere interessato poco a questo sport: “Non guardo molto il calcio. Sono sempre stato un tifoso, ma non è mai stata la mia priorità. Quando ero giovane facevo due giorni di allenamento e una partita a settimana. Mi andava bene, poi sono stato costretto ad allenarmi quattro volte a settimana. Champions? Non ho mai sognato di giocarla”. La determinazione e il talento hanno portato Wijnaldum a Liverpool dopo le stagioni al Newcastle, al Psv e al Feyenoord senza dimenticare la semifinale giocata con l’Olanda nel Mondiale 2014 e persa contro l’Argentina! Klopp spera che la duttilità tattica di Wijnaldum faccia la differenza contro gli Spurs per riscattare la sconfitta di un anno fa col Real. E magari l’olandese potrà realizzare un sogno…che non ha mai avuto!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy