Uruguay, prima il mondiale e poi lo studio: sospese le lezioni quando gioca la Celeste

Uruguay, prima il mondiale e poi lo studio: sospese le lezioni quando gioca la Celeste

In tutto il mondo si gioca a calcio e in tutto il mondo si studia. Ma solo all’Università Cattolica dell’Uruguay si sospenderanno le lezioni durante le partite del mondiale. E gli studenti tiferanno ancora di più per la Celeste.

di Redazione Il Posticipo

Chi va all’università lo sa, la sessione estiva di esami è già problematica di suo. Comincia a fare caldo, si perdono troppi liquidi, sali minerali ed energie per riuscire a concentrarsi sulle pile di libri. Poi quest’anno ci sono i mondiali e agli studenti appassionati di calcio, di studiare andrà ancora meno. Ma tutto questo è ormai un lontano ricordo per gli studenti dell’Università Cattolica dell’Uruguay che hanno visto attuare un provvedimento che fermerà le lezioni in corrispondenza del fischio d’inizio delle partite. E i sudamericani saranno senza dubbio gli studenti più invidiati del mondo.

LE MOTIVAZIONI – La spiegazione arriva in una lettera aperta del vice-rettore dell’ateneo che ha la sua sede principale nella capitale uruguaiana Montevideo. Nella lettera si afferma che lo sport, e il calcio in particolare, è un elemento unificante del popolo uruguaiano e che crea un senso di unità raro al giorno d’oggi. Il vice-rettore continua ad argomentare, sostenendo che una delle missioni dell’Università è quella di fornire agli studenti una particolare attenzione alla realtà circostante, sia da un punto di vista accademico sia da uno più largamente sociale. E cosa c’è di più sociale del calcio?

SOSPENSIONE – Chiaramente le lezioni saranno sospese o rimandate ma non del tutto cancellate e molto dipenderà anche dagli orari delle partite della nazionale Celeste. I match del girone, però, saranno tutti spalmati all’incirca sugli orari di lezione. Per esempio la prima partita di Suarez, Godin, Cavani e compagni contro l’Egitto comincerà alle nove del mattino; la seconda, contro l’Arabia Saudita, sarà a mezzogiorno mentre quella contro i padroni di casa russi alle undici di mattina (chiaramente, sul fuso orario di Montevideo). E quindi la speranza degli studenti maggiormente oberati di studio è quella della qualificazione dell’Uruguay alle fasi eliminatorie per far sì che gli evidenziatori possano disporre di più tempo per tracciare dei solchi colorati su libri e dispense arretrate. In questo caso, i tre punti conteranno quanto i crediti formativi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy