Segna il City, esplode… Old Trafford! Lo United tifa per i cugini e viene attaccato: “È un club in declino…”

Segna il City, esplode… Old Trafford! Lo United tifa per i cugini e viene attaccato: “È un club in declino…”

Ai Citizens è bastato il gol di Sergio Agüero per avere la meglio sul piccolo Burnley e ritornare in testa alla Premier League. Una bellissima notizia anche per lo United? Decisamente sì… a giudicare dall’esultanza del pubblico dell’Old Trafford

di Redazione Il Posticipo

Lo United ha passato una stagione decisamente tribolata: prima l’esonero di José Mourinho dopo un filotto negativo di risultati, quindi l’arrivo Ole Gunnar Solskjaer e una serie pazzesca di vittorie di fila e infine una inaspettata crisi, arrivata poco dopo il rinnovo del contratto del tecnico. Qualificazione in Champions a parte, la stagione dei Red Devils potrebbe peggiorare… se a fine anno i Reds dovessero vincere la Premier League!

BOATO – Il popolo dello United non riesce a darsi pace all’idea di vedere il Liverpool campione d’Inghilterra: come ha fatto intendere anche la leggenda Wayne Rooney qualche mese fa. Il City ha fatto fatto tanta fatica per battere il Burnley, ma un gol è stato sufficiente. La ventesima realizzazione del Kun Agüero in Premier League è stata festeggiata… in due stadi! Stando a quanto circolato su Twitter, la rete dell’argentino avrebbe fatto esplodere non solo i tifosi dei Citizens sugli spalti del Turf Moor, ma anche quelli dello United all’Old Trafford.

TESTIMONIANZE – Sui social il boato del pubblico di Manchester ha fatto parecchio rumore! Daniel Storey, giornalista della BBC, ha twittato: “Un applauso all’Old Trafford mentre il Manchester City si prende la testa della classifica”

Molti però sono stati polemici: “Grandi applausi all’Old Trafford appena arriva la notizia che il City ha vinto. Da Ferguson che li chiamava ‘i rumorosi vicini’ a tifare per loro sei anni dopo è il sintomo di un rapido declino”. Come dargli torto?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy