Scarpa d’Oro, Messi sorpassa Salah e saluta Immobile

Scarpa d’Oro, Messi sorpassa Salah e saluta Immobile

Il Barcellona si aggiudica la Liga, Seedorf saluta la massima divisione e, approfittando dello stop dei suoi concorrenti, Messi prende il volo verso la Scarpa d’Oro 2018.

di Redazione Il Posticipo

Nel posticipo serale della Liga, occhi puntati su La Coruña, dove si intrecciano tre storie diverse, ma accomunate dal match del Riazor. Il Barcellona si aggiudica la Liga con largo anticipo, mentre Seedorf saluta la massima divisione. E, approfittando dello stop dei suoi concorrenti, Messi prende il volo verso la Scarpa d’Oro 2018.

BARCA CAMPIONE – Non che ci fossero molti dubbi, ma la squadra di Valverde si aggiudica matematicamente la sua Liga numero 25. Un campionato dominato dall’inizio alla fine, con un passo regolare e, finora, da imbattuta. Le grandi rivali, Atletico e Real, hanno giocato a chi perde più punti in diversi momenti della stagione, mentre i blaugrana si sono sempre ripresi in tempo da non conoscere mai la sconfitta. E con quattro partite ancora da giocare, il Barcellona può festeggiare il double con la Coppa del Re.

MESSI SUPERA SALAH – La vittoria contro il Deportivo porta due firme. Quella di Coutinho, che apre il match, e quella di Messi che lo chiude. Di mezzo c’è un momento di blackout, con i galiziani capaci di recuperare due reti di svantaggio, ma poi la Pulce decide che è ora di portare a casa la partita e soprattutto di effettuare un sorpasso. Trentadue reti in campionato, quanto basta per passare avanti a Momo Salah, fermo a trentuno, e allontanarsi da Immobile, a 29 ma forse alle prese con un infortunio che non gli permetterà di puntare al trofeo. Se l’argentino dovesse portarlo a casa, sarebbe il quinto della sua carriera.

E RONALDO? – La Pulce in questa stagione si è…salvata dalla classica concorrenza di Cristiano Ronaldo, fermo a tre Scarpe d’Oro in bacheca. Colpa del pessimo inizio in Liga del portoghese, che poi ha cominciato a macinare reti da febbraio in poi, ma non abbastanza da permettere a CR7 di rimontare i primi in classifica. Non che, in caso di vittoria, quella di Messi sarà stata una passeggiata. L’exploit di Salah e la grande stagione di Immobile non hanno permesso all’argentino di riposare sugli allori. Ora però all’egiziano mancano solo due partite di campionato contro le quattro dei blaugrana e per il laziale vanno attesi i riscontri medici dopo il cambio contro il Torino. E il dieci del Barcellona comincia a fare spazio dentro casa…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy