Sanè, tra la dolce attesa e le frecciate di Kroos

Sanè, tra la dolce attesa e le frecciate di Kroos

Sanè, niente caso, almeno non stavolta. A svelare i motivi dell’improvviso addio del calciatore del Manchester City al ritiro della nazionale tedesca è la Bild. La sua compagna ha partorito.

di Redazione Il Posticipo

Sanè, niente caso, almeno non stavolta. A svelare i motivi dell’improvviso addio del calciatore del Manchester City al ritiro della nazionale tedesca è la Bild. E la ragione, per una volta, è molto positiva. Secondo il quotidiano teutonico, il giocatore ha lasciato la squadra perchè la sua compagna Candice Brook avrebbe partorito. Da qui la scelta di parlare con il tecnico e chiedere di saltare l’amichevole con il Perù, dopo aver giocato uno spezzone della partita di Nations League contro la Francia. Dunque, nulla di particolarmente eclatante, come invece aveva suggerito lo scarno tweet della federazione tedesca, che parlava di “motivi personali” senza specificare.

LÖW – E una decisione che, in seguito al periodo non proprio splendido che il calciatore ha passato tra nazionale e Manchester City, ha fatto pensar male. Invece, dopo aver saltato il Mondiale per scelta tecnica, Löw sembra intenzionato a tenerlo in alta considerazione per il prossimo ciclo e le frizioni che hanno seguito la mancata convocazione per la Russia dovrebbero essere superate. Il fatto che i due siano stati a colloquio prima che Sanè lasciasse il ritiro sembrava sottintendere l’ennesimo scontro, ma alla fine per fortuna della Mannschaft pare proprio che stavolta i due siano andati d’amore e d’accordo.

KROOS – Buone notizie dunque per la Germania del pallone e per Sanè, che però prima della partita è stato punzecchiato dal compagno di nazionale Kroos. Il calciatore del Real Madrid ha detto la sua sull’atteggiamento del calciatore del City, sottolineando la necessità di adottare comportamenti diversi. “A volte il linguaggio del corpo di Leroy sembra lo stesso sia che si vinca che in caso di sconfitta. È un calciatore che ha tutto ciò che serve per diventare una stella di livello mondiale, ma ogni tanto bisogna dirgli che deve dare di più“. Insomma, Sanè deve crescere. La paternità gli sarà di aiuto?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy