Saluta la Polonia, l’ennesima incompiuta

Saluta la Polonia, l’ennesima incompiuta

Il crollo polacco è sorprendente, considerato la qualità della rosa della squadra, il girone non impossibile e le premesse della spedizione in Russia. Eppure Lewandowski e compagni sono fuori. Come capita spesso anche ad altri, che arrivano al Mondiale con i favori del pronostico e tornano a casa con la coda tra le gambe.

di Redazione Il Posticipo

POLONIA

800px-Robert_Lewandowski_2011_(3)

Polonia, che crollo! E pensare che, evidentemente con un esercizio di ottimismo esagerato, Boniek, il presidente della Federazione, aveva pronosticato un cammino simile a quello del 1982, quando la nazionale fu capace di arrampicarsi sino ai primi quattro posti. Invece la selezione di Nawalka (CT dalle ore probabilmente contate) è già fuori da un girone non esattamente irresistibile. Due sconfitte, con Senegal e Colombia, e addio sogni di gloria. Non una novità per una nazionale che storicamente è un’incompiuta. E che comunque, in quanto a cocenti delusioni dopo grandi illusioni, è davvero in buona compagnia…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy