Salah: incubo Champions? “Dopo la sostituzione nella finale di Kiev mi sono messo a piangere. Anche al Mondiale…”

Salah: incubo Champions? “Dopo la sostituzione nella finale di Kiev mi sono messo a piangere. Anche al Mondiale…”

L’egiziano non ha dimenticato quanto accaduto un anno fa tra Liverpool e Real Madrid nella finale di Champions League. Riuscirà a prendersi la rivincita dopo aver sofferto anche al Mondiale? Prima dovrà superare il Barcellona di Lionel Messi…

di Redazione Il Posticipo

Mohamed Salah va di corsa: gli basterà per riscattarsi dopo la delusione dello scorso anno? L’egiziano insegue il sogno di vincere la Champions League, sfumato sul più bello in finale contro il Real Madrid di Sergio Ramos. L’attaccante spera di riuscire a centrare la seconda finale in due anni per vendicare la sconfitta di quella sera: quando la sua partita è durata appena mezz’ora proprio dopo uno brutto scontro di gioco contro il difensore spagnolo.

SERATACCIA – Un anno fa i Reds sono stati la rivelazione della Champions, capace di mettere sotto il Real di Zinedine Zidane… poi però l’infortunio di Salah ha cambiato tutto! Nella finale di Kiev la squadra di Jürgen Klopp non è riuscita ad andare in vantaggio nonostante un netto predominio, complice il brutto infortunio dell’egiziano alla mezz’ora dopo un duro contrasto con Sergio Ramos. La stella dei Reds ha raccontato ai microfoni di Bleacher Report che cosa ha provato quella sera: “È stato molto brutto. La finale di Champions è un grande sogno per se stessi, per la città, per i tifosi, per tutti. Volevamo vincere. Mentalmente è stato molto brutto, soprattutto quando sono stato sostituito, sono andato nello spogliatoio e ho iniziato a piangere perché mi sentivo come se la Champions e la Coppa del Mondo fossero andate via. È stato tutto molto difficile, fa ancora male. Siamo stati così vicini a vincere”.

PROBLEMA MONDIALE – Dopo l’infortunio di Salah ci si è messo anche Loris Karius a complicare le cose: la serataccia del portiere ha consegnato la Champions delle mani di Cristiano Ronaldo e compagni… e soprattutto di Zidane! Le brutte notizie per Salah però non sono finite quella sera: quell’infortunio ha condizionato infatti anche il suo esordio in Coppa del Mondo con l’Egitto: “Sono andato a giocarmi la Coppa del Mondo, poterlo fare è stato un sogno, ma non ero in forma. Mi chiudevo da solo nella mia stanza, piangevo quasi ogni giorno”. L’attaccante è stato costretto a saltare la gara d’esordio contro l’Uruguay:Prima della prima gara, quando sapevo che non avrei giocato, ero sull’autobus e piangevo, andavo in bagno e piangevo perché volevo giocare. Ma sapevo di non poterlo fare. È stato tutto così difficile”. Un anno dopo Salah non insegue solo un sogno… cerca una grande rivincita!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy