Rooney: “Non basterebbe comprare CR7 o Messi per risolvere i problemi dello United”

Rooney: “Non basterebbe comprare CR7 o Messi per risolvere i problemi dello United”

La leggenda del Manchester United si esprime in maniera abbastanza critica nei confronti della sua ex squadra. E per il mercato avvisa: i grandi nomi non servono a nulla senza programmazione.

di Redazione Il Posticipo

Il Manchester United è senza dubbio uno dei maggiori club di calcio europei e in Inghilterra è una vera e propria istituzione. Da quelle parti sono passati alcuni dei migliori giocatori della storia del calcio ma oggi, forse proprio per questo motivo, il morale è davvero basso: in rosa c’è grande qualità, ma qualcosa non funziona. La squadra ha disputato una pessima prima metà di stagione, prima di Natale è stato mandato via Josè Mourinho, ritenuto responsabile della situazione ed è stato chiamato al suo posto Ole Gunnar Solskjaer. All’inizio, il norvegese sembrava una vera rivelazione. Ma pian piano, la squadra ha perso entusiasmo e ha finito la stagione poco meglio di come l’aveva cominciata. Molti sostengono che ci sia bisogno di intervenire in maniera massiccia sul mercato ma Rooney dice la sua.

NIENTE FENOMENI – Wayne Rooney ha giocato in uno dei migliori Manchester United della storia. Accanto a lui c’erano Ryan Giggs, Cristiano Ronaldo, Patrice Evra, Gary Neville, Rio Ferdinand, Paul Scholes e altri campioni ma il loro segreto, oltre ad avere un certo Ferguson in panchina, era ben lontano dalla sola rosa straordinaria. Erano un “blocco unico”. Non si passava. Così, stanco di sentire le solite chiacchiere di mercato, Wayne Rooney sbotta in un’intervista radiofonica rilasciata alla BBC: “Né l’acquisto di Cristiano Ronaldo, né quello di Messi Ramos o Bale risolverebbero i problemi del Manchester United“.

CHIARO, NO? – Ma allora, se il problema non è nell’organico, nella mancanza di qualità, dov’è che si deve cominciare a lavorare per superare questo periodaccio? “La prima cosa che Ole deve fare è costruire un blocco e non penso che portare uno o due giocatori molto costosi aiuterà i giocatori che sono già lì. Sarebbe meglio se Ole costruisse il blocco investendo in giocatori ambiziosi con un potenziale e che abbiano un prezzo accessibile sul mercato”. Detto così sembra facile ma nella pratica, soprattutto a Solskjaer potrebbe sembrare complicato. Ovviamente, l’allenatore di una grande società, per rimediare a una stagione fallimentare potrebbe pensare di fare follie sul mercato per portare campioni e leader pronti a riprendere in mano la situazione ma, a quanto pare, questo è un pensiero superato. Rooney conclude: “Puoi portare Cristiano, Messi, Ramos o Bale, ma andrebbero a costare 400 milioni e tu potrai approfittarne solo per due anni“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy