Roma, per Coentrao semaforo…blanco-verde

Roma, per Coentrao semaforo…blanco-verde

Puntando su Coentrao, con una spesa relativamente bassa Monchi potrebbe ritrovarsi in squadra un calciatore esperto, duttile e soprattutto…riposato

di Redazione Il Posticipo

Il caos Sporting Lisbona rischia davvero di avere conseguenze importanti. Non solo per i calciatori malmenati e per i rapporti con la tifoseria, decisamente al minimo storico. Anche per la stessa società e per le casse biancoverdi, che ora sono davanti a una serie di diserzioni di massa. Comprensibile, dato che pochi vogliono rimanere in un club in cui i “tifosi” ti vengono a cercare negli spogliatoi e con intenzioni non proprio pacifiche. Molti hanno già chiesto di andare via, per la gioia di molte squadre, che vorrebbero ingaggiarli. E poi c’è chi andrà via comunque, destinato a tornare in una Madrid che non lo ha mai amato. E quindi Fabio Coentrao cerca altre strade.

VICE-KOLAROV – Una delle quali, potrebbe portare a Roma. Ai giallorossi serve un terzino sinistro di riserva, anche considerando che difficilmente verrà riscattato Jonathan Silva. Da quella parte c’è il giovanissimo Luca Pellegrini, su cui la società punta moltissimo, ma che è ancora troppo acerbo per fare il vice-Kolarov. Che, dal canto suo, non può giocarle tutte, senza pagare poi lo scotto alla fatica e agli anni che passano. E quindi, dato che le condizioni sono più che propizie, perchè non tentare un assalto al portoghese? Si tratterebbe di un affare non troppo costoso, dato che il Real non lo considera utile, Coentrao alla Ciudad Deportiva non vuole tornare e il contratto scade nel 2019.

RITORNO DI FIAMMA – Con una spesa relativamente bassa (circa cinque milioni, proprio quanto speso per Kolarov), Monchi potrebbe ritrovarsi in squadra un calciatore esperto, duttile (può fungere anche da attaccante nel tridente) e soprattutto…riposato. La scelta di non partecipare al Mondiale per riprendersi da un’annata terribile, non certo migliorata dagli eventi del centro sportivo di Lisbona, consentirà al terzino portoghese di recuperare a pieno dalla fatica della stagione e di presentarsi pronto al via, con qualsiasi maglia. La Roma dal canto suo ci aveva già provato nel 2015, ma la trattativa si era arenata sull’obbligo di riscatto, richiesto dal Real e non apprezzato dai giallorossi, che poi in quella stagione si sono lanciati su Digne. Ora le strade possono di nuovo incrociarsi. Per una scommessa non semplice ma di certo affascinante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy