Rivelazione di Football Leaks: nel 2017 il Real Madrid era pronto a pagare 214 milioni per Mbappè

Rivelazione di Football Leaks: nel 2017 il Real Madrid era pronto a pagare 214 milioni per Mbappè

Nell’estate 2017 c’è stato il concreto rischio che l’operazione che ha portato a Parigi l’under-20 più forte (e più costoso) del mondo non si concretizzasse. Anche perchè c’era qualcuno disposto a pagare molto di più per i servigi del francesino, allora in forza al Monaco.

di Redazione Il Posticipo

Estate 2017, la stagione dei sogni per il Paris Saint-Germain. Prima l’arrivo di Neymar nei primi giorni di agosto dopo aver pagato i 222 milioni di clausola per liberarlo dal Barcellona. Poi a mercato virtualmente chiuso la seconda bomba di mercato: Kylian Mbappè, il giovane prodigio del calcio francese, in prestito con riscatto fissato a 180 milioni. Eppure c’è stato il concreto rischio che la seconda operazione, quella che ha portato a Parigi l’under-20 più forte (e più costoso) del mondo, non si concretizzasse. Anche perchè c’era qualcuno disposto a pagare molto di più per i servigi del francesino, allora in forza al Monaco.

MILIONI – Lo riporta Marca, che cita documenti di Football Leaks che segnalano un accordo tra il club del Principato e…il Real Madrid, l’altra squadra che nel 2017 seguiva con interesse Mbappè. Un interesse così forte che la Casa Blanca non solo avrebbe pagato la cifra richiesta dal club che deteneva il cartellino del classe 1998, ma anche le tasse dovute per la transazione. Facendo così salire la portata complessiva dell’affare a 214 milioni, una cifra non molto dissimile a quella spesa dal PSG per Neymar. Ma allora, cosa ha fatto sì che Mbappè finisse al Parco dei Principi piuttosto che al Santiago Bernabeu? Semplice, la volontà del calciatore, che ha espressamente scelto il PSG, la squadra della sua città. Anche perchè, secondo i documenti, la richiesta del padre del francese al Real per un trasferimento in Spagna sarebbe stata un contratto da trenta milioni di euro l’anno. Troppo per la Casa Blanca, che alla fine ha deciso di abbandonare l’obiettivo.

CLAUSOLA – E quindi Mbappè si è dovuto…accontentare di uno stipendio da dieci milioni di euro netti all’anno con il PSG, più cinque come bonus alla firma. A quel punto il Monaco (all’epoca campione di Francia), pur non volendo rinforzare direttamente una concorrente, si è dovuto arrendere, acconsentendo alla cessione a patto di ricevere “almeno” i 180 milioni pattuiti con il Real Madrid. E così l’ultimo giorno del mercato estivo si è concretizzato il secondo affare più costoso della storia del calcio. Anche considerando le cifre del contratto di Mbappè. Il PSG, però. si sarebbe anche rifiutato di inserire nel contratto una clausola molto particolare: quella che prevedeva un mega-aumento, fino a raggiungere proprio i trenta milioni, in caso di vittoria del Pallone d’Oro. Visto il Mondiale del francese e le possibilità che porti davvero a casa il premio, a Parigi ci hanno decisamente visto lungo!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy