Reina, da core ‘ngrato a cuore infranto

Reina, da core ‘ngrato a cuore infranto

L’addio ormai certo di Reina, che dal Napoli si accaserà al Milan, prende sempre meno le sembianze di un tradimento e sempre più quelle di una scelta quasi obbligata…

di Mattia Deidda

Nella settimana di Milan-Napoli torna di moda il nome di Reina. Nella prossima stagione il portiere partenopeo difenderà la porta rossonera, con Donnarumma che, con ogni probabilità, sarà ceduto ad un top club europeo. Masticano amaro i tifosi, che vedono andare via uno dei leader della squadra. Contrariamente a quanto si possa pensare, però, non c’è rancore: secondo le ultime ricostruzioni, il portiere spagnolo sarebbe voluto rimanere a Napoli, ma la proposta di rinnovo di De Laurentiis non avrebbe soddisfatto il calciatore, che con trentacinque anni sulle spalle cerca l’ultimo grande contratto della carriera.

REINA, NESSUN TRADIMENTO, SOLO LA SCELTA PIÙ LOGICA – Un addio doloroso ma inevitabile. Reina nei suoi anni a Napoli si è profondamente legato alla città, che lo ha accolto e cullato sin da subito. Leader in campo, si è trasformato in tifoso, diventando un beniamino del pubblico, rappresentando lo spirito della curva in campo. La realtà, però, litiga spesso con le favole, e con il contratto in scadenza a fine stagione, il portiere spagnolo aveva bisogno di garanzie. La sua idea era quella di rimanere a Napoli, città in cui si trova bene e squadra che, salvo stravolgimenti, continuerà a lottare nei prossimi anni per la vittoria del titolo. La proposta della società, però, non era abbastanza: rinnovo annuale, senza garanzie per il futuro. Per un portiere prossimo a compiere trentasei anni una scelta difficile da accettare, specie paragonandola a quella rossonera.

PRIORITÀ AL NAPOLI FINO A GENNAIO – Tutta la prima parte di stagione per trovare un accordo con la società. Si è parlato spesso del rinnovo di Reina, senza però trovare mai un punto di incontro. Arrivato a gennaio, il portiere, a sei mesi di distanza dal trovarsi senza una squadra, ha dovuto mettere da parte il cuore, ed osservare cosa proponesse il mercato. L’arrivo del Milan è stato fulmineo, tanto quanto la rapidità con cui si sono svolte le visite mediche: due anni di contratto (con opzione di rinnovo) per (circa) tre milioni di euro a stagione. Una proposta inaspettata, che legherebbe l’ex Liverpool al mondo del calcio fino all’età di trentanove anni. L’ultimo grande contratto della carriera, in una squadra in netta ripresa, pronta a tornare grande. Impossibile, per Reina, rinunciare all’offerta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy