Real-Liverpool: la finale nobile, tra bacheche e Palloni d’Oro

Real-Liverpool: la finale nobile, tra bacheche e Palloni d’Oro

Non la partita più attesa, ma di certo una delle finali più nobili possibili in questa edizione della Champions League. Real Madrid e Liverpool hanno preso parte a 22 delle 62 finali del trofeo.

di Redazione Il Posticipo

Real Madrid-Liverpool, ci si gioca la Champions. Non la finale più attesa. Perchè se, soprattutto negli ultimi anni, il Real Madrid è ormai di casa quando ci si gioca la coppa, il Liverpool non si affacciava al massimo palcoscenico dal 2007. Ma quella tra spagnoli e inglesi è di certo una delle finali più nobili possibili in questa edizione della Champions League. Le bacheche parlano di 17 trofei nelle due bacheche, 12 per i Blancos e 5 per i Reds. E per la seconda volta, le due squadre si incrociano nella finalissima che assegna la Coppa. L’ultima volta, nel 1981, hanno festeggiato gli inglesi.

NOBILI D’EUROPA – Verrebbe quasi da dire che l’Europa che conta…è abituata a vedere Real e Liverpool giocarsi il trofeo. Quella di Kiev è la finale numero 16 per gli spagnoli (che finora hanno una percentuale di successo del’80%), mentre gli inglesi fanno registrare la presenza numero 8 (e si fermano al 71% di vittorie). Assieme, dunque, 24 finali. E togliendo le due giocate contro, significa che su 62 partite che hanno deciso la supremazia continentale, 22 volte c’era in campo il Real o il Liverpool. Entrambe hanno conosciuto solo due volte l’onta della sconfitta. Ha cominciato il Real nel 1962 contro il Benfica per poi ripetersi (suo malgrado) proprio contro i Reds nella finale decisa da Kennedy. Le due sconfitte del Liverpool portano invece firme tricolori: Juventus nel 1985 e Milan nel 2007.

RAGIONI PER VINCERE? – Certo, per Klopp sembra complicato sperare di detronizzare Zidane, se non fosse altro per il record del tecnico del Real nelle partite europee a eliminazione diretta. Da quando si è seduto sulla panchina dei Blancos (gennaio 2016), la sua squadra non hai mai perso un doppio confronto e men che meno una finale. Undici incroci consecutivi vinti dal Real, con la possibilità di fare dodici per arrivare…a tredici trofei. E portando a casa la Coppa, Zidane raggiungerebbe Bob Paisley e Carlo Ancelotti a tre Champions vinte, salvo stagliarsi come l’unico allenatore in grado di farlo consecutivamente. Il Liverpool però vuole vincere, per staccarsi dalla compagnia del Bayern e del Barcellona nella classifica per tornei vinti, per poi puntare ai sette del Milan. E perchè portare il trofeo ad Anfield significherebbe probabilmente regalare il Pallone d’Oro a Momo Salah. L’unico giocatore del Liverpool ad aggiudicarselo è stato un doppio ex, Michael Owen. L’ultimo dei sei vincitori del Real? A Kiev punta alla quinta Champions e vuole suonare la sesta sinfonia dorata…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy