Real campione con… scintille? Vazquez punge Modric: “Croato di m***a”

Real campione con… scintille? Vazquez punge Modric: “Croato di m***a”

Terzo Mondiale per Club di fila per i Blancos: poker in scioltezza all’Al-Ain con… battibecco finale! Al triplice fischio finale infatti l’attaccante spagnolo non le ha mandate a dire al vincitore del Pallone d’Oro… Cosa c’è dietro?

di Redazione Il Posticipo

Chi lo dice che basti vincere per essere felici? Abitudine al successo e smodata competizione sono fattori che alla lunga finiscono per remare contro l’armonia di qualsiasi spogliatoio. Vedere il Real per credere? Da qualche stagione a questa parte a Madrid alzare un paio di coppe all’anno è diventata una routine: per tre stagioni di fila agli uomini di Florentino Perez è riuscita infatti l’accoppiata Champions-Mondiale per Club. Il segreto? Una rosa che pretende il massimo da se stessa, in cui ciascun giocatore dà tutto per togliersi anche (soprattutto?) soddisfazioni personali. Fino a qualche mese fa in pieno stile Cristiano Ronaldo, ma oggi anche uno come Lucas Vazquez non scherza mica…

“CROATO DI M***A” – Scherzando si dice spesso la verità: lo dice un vecchio motto, mai tramontato. Il Real ha battuto gli emiratini dell’Al-Ain in scioltezza 4-1 grazie alle reti di Modric, Llorente, Sergio Ramos e all’autogol di Nader (rete di Shiotani per la Cenerentola del torneo). Al fischio finale sorrisi, abbracci e… polemiche! Come riporta As, lo spagnolo Lucas Vázquez ha puntato il vincitore dell’ultimo Pallone d’Oro per dargli una bella strigliata: “Dammi una f*****a palla, croato di m***a”. Insomma, parole tutt’altro che tenere quelle proferite in faccia al croato. Ma c’è di più: nello sfogo Vazquez ha afferrato il compagno di squadra per il colletto…

REAZIONI SOCIAL – La scena non è sfuggita all’occhio dei social, dove è diventata praticamente virale l’immagine dei due in campo. E qualcuno si è permesso anche di dare un consiglio al croato: “Non scherzare con Lucas Vazquez, caro Luka”. La stampa spagnola sostiene che si sia trattato di uno scherzo, ma il linguaggio del corpo tradisce un certo disappunto da parte del centrocampista attaccato dallo spagnolo classe ’91. In fondo, un altro detto diceva che a pensar male si fa peccato, ma molto spesso… ci si azzecca!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy