PSG, ci mancava solo questa: Ben Arfa snobbato da Al-Khelaifi si prende un’epica rivincita

PSG, ci mancava solo questa: Ben Arfa snobbato da Al-Khelaifi si prende un’epica rivincita

Il Rennes ha battuto il Paris Saint-Germain in finale di Coupe de France. Nasser Al Khelaifi cerca di evitare la stretta di mano con l’ex separato in casa Ben Arfa: lui si prende la rivincita e gli passa la medaglia sotto al naso.

di Redazione Il Posticipo

La vendetta è un piatto che si consuma freddo, o almeno così dicono. A quanto pare, però, il tempo impiegato dal piatto della vendetta di Hatem Ben Arfa non è stato troppo esteso. In una stagione, l’ex Paris Saint-Germain si è preso un bel po’ di rivincite sul club che lo ha tenuto per un anno intero lontano dal campo. La prima rivincita è rappresentata dalla sua stagione, dal fatto che è diventato un pezzo pregiato del Rennes con 7 gol e 2 assist. La seconda, riuscita solo in parte, se l’è presa con Unai Emery in Europa League quando il suo Rennes ha battuto l’Arsenal del tecnico che lo aveva messo fuori squadra al PSG per 3-1 all’andata (salvo subire il contraccolpo una settimana dopo). La terza e ultima rivincita Ben Arfa se l’è presa sul presidente del Paris Saint-Germain che dapprima cerca di evitarlo durante la premiazione e dopo avergli stretto la mano, il trequartista gli mostra la medaglia appena conquistata.

SNOBBATO? QUASI –  È successo alla fine della finale di Coupe de France conquistata a sorpresa dal Rennes, undicesimo in classifica in Ligue 1. Come di consueto, i giocatori della squadra vincitrice camminano su una pedana allestita per la premiazione, vengono insigniti della medaglia e riscendono passando accanto agli sconfitti e stingendosi le mani. Ovviamente, insieme alla squadra e all’allenatore, tra coloro che aspettano in fila di ricevere la medaglia d’argento c’è anche il presidente Nasser Al Khelaifi che, durante il passaggio di Ben Arfa, guarda altrove. Un caso? Proprio no, visto che sembra volerlo evitare, snobbare la stretta di mano. Ma, alla fine ha dovuto cedere e compiere il doloroso atto sportivo. Ben Arfa, però si è accorto dei tentennamenti del suo ex presidente.

LA RISPOSTA – Il trequartista francese non ha lasciato Parigi in buoni rapporti e i suoi problemi non si limitavano al rapporto con Emery ma anche ad alcuni dirigenti, alla presidenza e anche ad alcuni membri dello staff che avevano “fatto la spia” con Emery di averlo visto nel parcheggio del centro sportivo a mangiare kebab prima dell’allenamento. La rivincita con la squadra se l’è presa vincendo la coppa nazionale ma dopo aver stretto la mano ad Al Khelaifi, Ben Arfa gli ha passato la medaglia sotto al naso. Provocazione? Ovviamente! Ma chi vince ha sempre ragione…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy