Pogba? Una pallina da ping pong…

Pogba? Una pallina da ping pong…

Dall’Inghilterra si analizza il caso Pogba che rimbalza fra Manchester, Torino e Barcellona, da un punto di vista squisitamente finanziario. Risultato? Potrebbe vincere il…banco

di Redazione Il Posticipo

“Pogba? Una pallina da ping pong”. Secondo Kieran Maguire, uno stimato esperto di finanza calcistica inglese che ha parlato al Daily Star,nelle prossime 48 ore potrebbe iniziare una lunga e intensa partita tra Manchester United, Barcellona e Juventus. La posta in palio? Paul Pogba.

BARCELLONA –  Kieran Maguire, come riportato dal dailystar, parla di un ping-pong che starebbe per cominciare sull’asse Torino-Manchester con la stretta osservazione  del Barcellona, spettatore interessatissimo. Fra l’altro la Juventus dovrà palleggiare molto meglio del Barcellona, che può mettere sul tavolo una cifra richiesta, per arrivare alla “reunion” con Vidal, svelata qualche giorno fa anche dal Mundo Deportivo.

TORINO –  Secondo Maguire, la chiusura dell’affare non sarebbe scontata. In tutti i sensi: i piemontesi devono convincersi a pagare una cifra più alta di quella incassata dalla cessione dello stesso giocatore allo stesso club col quale stanno trattando. L’esperto giustifica il balzo alle stelle del prezzo di Pogba col fatto che il francese abbia disputato un ottimo mondiale e nonostante le scintille del passato, Mourinho potrebbe decidere di non privarsene o di non farlo con troppa leggerezza. In sintesi: l’offerta è di chi compra, ma la decisione è di chi vende…

MANCHESTER  – Parola di esperto.  Questo signore, infatti, oltre a parlare spesso ai microfoni di Sky e della BBC, è protagonista di conferenze di finanza calcistica all’Università di Liverpool. Non parliamo di un improvvisato, quindi. Di altri rapporti, per così dire, anglo-italiani, si è espresso anche sul tesoretto a disposizione di Sarri: ben 240 milioni di sterline da spendere in questi ultimi giorni di mercato. Spicci.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy