Piquè nel mirino della critica: “L’Andorra falsa il campionato”

Piquè nel mirino della critica: “L’Andorra falsa il campionato”

Il centrale del Barcellona, neo proprietario dell’Andorra, suscita già le prime critiche (o invidie). L’allenatore del Viladecans, prossimo avversario della squadra del principato, ritiene che l’Andorra possa alterare la regolarità del campionato.

di Redazione Il Posticipo

Dal tennis al calcio minore, cambia poco. Il minimo comune denominatore restano le critiche. L’arrivo di Piquè nel calcio spagnolo come proprietario dell’Andorra spaventa e non poco la concorrenza. Il timore è che l’avvento e soprattutto i capitali investiti dal calciatore possano far saltare il banco. E che il campionato territoriale possa brutalizzare le sorti della “Primera Territorial”, il campionato dilettantistico spagnolo.

RIVOLTA – Come riportato da Sport.es, l’allenatore del Viladecans, Raul Paje, prossimo avversario dell’Andorra, ha aspramente criticato la campagna rivoluzionaria della società del principato, rivoltata come un calzino durante il mercato di gennaio. Sono arrivati ben dieci giocatori (fra cui il figlio del compianto allenatore del Barça Vilanova) che potrebbero alterare gli equilibri del torneo.

SQUILIBRIO – Le dichiarazioni del tecnico, rilasciate al portal Futbol Catalunya e riprese dal sito sport.es, del resto lasciano poco spazio all’immaginazione: “Il bello di questo campionato è che chiunque può vincere o perdere con qualsiasi avversario. Se qualcuno pensa che riuscirà a inanellare 14-15 vittorie di fila in campionato si sbaglia di grosso. In ogni caso mi sembra che la concorrenza sia alterata dalla forza dell’Andorra. Arriveranno con una squadra rinnovata e molto più competitiva. Dovrebbero esserci più controlli sugli acquisti, che siano regolati come accade nelle altre categorie”.

COLONIA – Piquè avrebbe anche trovato già alcuni soci d’eccezione. Anche Messi e Fabregas, secondo quanto riportato dal Diari D’Andorra, potrebbero entrare come soci minoritari. Gabri e Jorquera sono già alla guida tecnica. Insomma, quanto basta per parlare di “colonia barcelonista”. Sicuramente sufficiente a spaventare la concorrenza. Piquè, del resto, ha anche alle spalle il gruppo Kosmos e l’obiettivo è già dichiarato. Arrivare nel calcio che conta in un triennio. Dunque la concorrenza ha poco di che lamentarsi. E se tutto va come deve andare, l’Andorra, fra i dilettanti, è solo di passaggio…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy