Pep e Kun ai ferri corti: con Griezmann out, sarà di nuovo Atletico?

Pep e Kun ai ferri corti: con Griezmann out, sarà di nuovo Atletico?

Per l’argentino al Manchester City c’è un problema abbastanza complicato. Il rapporto con Guardiola, costellato di alti e bassi. E se le sirene dell’Atletico dovessero farsi più forti, non è da escludere un clamoroso ritorno.

di Redazione Il Posticipo

Sergio Aguero non vede l’ora che inizi il Mondiale. Anche perchè, finalmente, dopo tanto tempo i problemi al ginocchio sembrano dimenticati. Il Kun vuole dedicarsi all’Argentina, anche per non pensare alla sua situazione al Manchester City, dove a fronte delle solite cifre importanti (30 reti in 37 presenze nonostante l’infortunio al ginocchio), pare esserci un problema abbastanza complicato. Il rapporto dell’argentino con Guardiola, che nel corso dei due anni dello spagnolo all’Etihad ha avuto parecchi alti e bassi. E in un intervista alla trasmissione spagnola El Chiringuito de Jugones, all’attaccante dei Citizens è stato ovviamente chiesto come vanno le cose con il tecnico.

RAPPORTI TESI – In apparenza, una risposta positiva. Ma a guardare Aguero e soprattutto ad ascoltare alcune delle frasi del suo discorso, l’impressione è che Guardiola sia un soggetto di cui l’argentino preferisca non parlare. “Con lui va abbastanza bene. Siamo stati chiari quando ci siamo visti, lui fa il suo lavoro e io faccio il mio. Io sono contento nel club ed il club è contento di me. E cercheremo di portare a termine gli anni che mi restano di contratto”. Non esattamente il massimo della gioia e dell’espressione di stima per il suo allenatore, “reo” di preferirgli, per carta di identità e per caratteristiche, Gabriel Jesus. E quindi, dopo il mondiale che si fa? Il contratto dura fino al 2020, anno in cui il Kun ha espresso la volontà di tornare a…casa, al suo Independiente, dove è calcisticamente nato e cresciuto.

RITORNO ALL’ATLETICO –  Ma nel frattempo, ci sono due stagioni, che Aguero potrebbe utilizzare per fare un altro ritorno eccellente. Nell’intervista l’argentino ha ammesso che l’interesse dell’Atletico nell’ultima stagione è stato pressante e che negli scorsi anni persino il Real ha cercato di riportarlo a Madrid. I Colchoneros però hanno dalla loro la volontà di Aguero di farsi perdonare per l’addio del 2011. “Volevo cambiare aria e forse non sono andato via nella maniera giusta”. L’Atletico non è nuovo a riportare grandi campioni transitati all’ormai vecchio Calderon (Torres, Diego Costa, Filipe Luis). E se alla fine Griezmann dovesse davvero lasciare il Wanda Metropolitano, servirebbe un calciatore con caratteristiche simili per affiancare Costa nell’attacco dell’Atleti. Difficile pensare che Guardiola possa opporsi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy