Paul McGowan, in campo con la cavigliera…elettrica

Paul McGowan, in campo con la cavigliera…elettrica

Il calciatore del ST Miller ha esordito nel campionato scozzese da…osservato speciale. Una cavigliera elettrica per una (ennesima) condanna da scontare

di Redazione Il Posticipo

Campionato scozzese, in campo il St Mirren, tornato in massima divisione. Esordio positivo: sconfitto il Dundee per 2-1. A qualcuno non è sfuggita la presenza di Paul McGowan, in campo con la cavigliera. Beh, che c’è di strano? Molti calciatori la usano. Certo, ma in questo caso è diverso: quella utilizzata per l’esordio in campionato del calciatore del ST Mirren, è… elettrica. Il particolare è ripreso dal twitter del Mail Sport.

CONDANNA – Il calciatore è stato condannato per rissa al termine di una notte spesa in un locale, dove il ST Mirren, di solito, organizza dei party. In occasione dell’ultima festa, la situazione è evidentemente sfuggita di mano al difensore che ha ben pensato, dopo un alterco, di sputare in faccia al buttafuori del locale. Quanto basta per essere sbattuto in prigione?

RECIDIVO – Qualcuno penserà a eccessiva rigidità delle forze dell’ordine scozzesi. Beh, McGowan è un recidivo. Negli ultimi otto anni ha riportato ben cinque condanne. I suoi problemi con la giustizia deriverebbero, da quanto riporta Fox sports, da un carattere turbolento, reso incontrollabile, a volte, da qualche bicchiere di troppo. McGowan è riuscito a evitare la cella, ma è stato condannato a indossare la cavigliera elettronica e svolgere lavori socialmente utili. E il suo caratteraccio gli sarebbe costato anche la convocazione in nazionale.

INDISPONIBILE – L’ultima condanna, fra l’altro, gli impedirà, per i prossimi due mesi, di giocare partite di sera, sempre che non vi sia un’amnistia. Il ragazzo, infatti, per evitare altri inasprimenti della propria condanna, dovrà restare nella sua abitazione dalle diciannove alle sette del mattino. Insomma, non può uscire la sera. Resta da capire come rivolvere il problema delle sfide in trasferta…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy