Paradosso turco: l’Istanbul Basaksehir gioca allo stadio “Fatih Terim” e si contende il suo primo scudetto…con Fatih Terim

Paradosso turco: l’Istanbul Basaksehir gioca allo stadio “Fatih Terim” e si contende il suo primo scudetto…con Fatih Terim

La lotta per il titolo in Turchia è una corsa a due tra Basaksehir e Galatasaray, a pari punti in classifica e che si sfideranno in casa dei giallorossi. Il paradosso? Lo stadio del Basaksehir si chiama Fatih Terim…in onore dell’allenatore del Galatasaray!

di Redazione Il Posticipo

La Süper Lig turca si sta affacciando pian piano tra i campionati di spicco in Europa. Negli ultimi anni, sono molte le squadre che si sono rinforzate per contendere il titolo alle solite Galatasaray, Besiktas e Fenerbahçe. Tra queste spicca l’Istanbul Basaksehir, la squadra da cui la Roma ha acquistato Ünder. E che in questa stagione sta contendendo il titolo al Galatasaray. al momento, a due giornate dalla fine, le due compagini di Istanbul sono a pari punti. I giallorossi sono avanti in classifica per la sola differenza reti, ma domenica 19 maggio le due squadre si incontreranno per il possibile incontro decisivo. E per fortuna lo faranno in casa del Galatasaray. Perché per fortuna? Beh, per evitare un po’ di confusione. Perché lo stadio del Basaksehir è intitolato… all’attuale allenatore del Galatasaray, Fatih Terim.

LA STORIA – Tutto parte nel 2014.  L’Istanbul Buyuksehir Belediyespor (Istanbul BB), squadra del quartiere ovest della città, assume il nome attuale. Contemporaneamente, come riporta Marca, viene costruito lo stadio della squadra (grazie all’interessamento di Erdoğan) e viene intitolato all’allora allenatore della nazionale turca Fatih Terim, amico personale del presidente. Stadio che è stato inaugurato con una partita nella quale lo stesso Erdoğan ha giocato con la maglia numero 12 del Basaksehir (non più assegnata dal club) e segnato una tripletta.

IPOTESI – Ironia della sorte, qualora il Basaksehir dovesse vincere lo scontro diretto con il Galatasaray di domenica prossima, nella penultima di campionato, potrebbe festeggiare il suo primo titolo nazionale in faccia e alla faccia dell’allenatore al quale il proprio stadio è intitolato. Ma il destino è strano e non è da escludere neanche la possibilità che a festeggiare sia Fatih Terim in persona contro il Basaksehir. Che a quel punto avrebbe, probabilmente, la fortissima tentazione di cambiare il nome al proprio stadio. Per lavare l’onta della sconfitta, o almeno…per non doverla ricordare di continuo..

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy