Omicidio Correa Freitas, spuntano le foto a letto con la moglie dell’assassino: “Ci sono andato”

Omicidio Correa Freitas, spuntano le foto a letto con la moglie dell’assassino: “Ci sono andato”

Lo ha detto e, purtroppo per lui, lo ha anche fatto. Daniel Correa Freitas, il calciatore brasiliano brutalmente torturato e poi ucciso due sabati fa, è stato un uomo di parola: aveva informato un suo amico dell’intenzione di andare a letto con la donna già prima del fatto.

di Redazione Il Posticipo

Lo ha detto e, purtroppo per lui, lo ha anche fatto. Daniel Correa Freitas, il calciatore brasiliano brutalmente torturato e poi ucciso due sabati fa, è stato un uomo di parola. Come riporta il Mirror, gli investigatori hanno analizzato il cellulare del ventiquattrenne per stabilire cosa possa aver portato il principale accusato e reo confesso Edson Brittes a mettere in atto un omicidio così efferato. Lui ha dichiarato di aver visto sua moglie chiedere aiuto mentre il calciatore cercava di violentarla, ma le prove rinvenute nello smartphone di Correa Freitas smentiscono questa versione e parlano di rapporti consensuali. Le foto sono sconvolgenti e i messaggi dicono tutto.

LA MAMMA DELLA FESTEGGIATA – Correa Freitas informa infatti un suo amico dell’intenzione di andare a letto con la donna già prima del fatto. “Andrò a letto con la mamma della festeggiata e suo padre è qui”, avvisa il centrocampista di proprietà del San Paolo. L’amico, dal canto suo, dimostra di aver compreso la gravità della situazione consigliando, in maniera molto diretta, di non “mettersi nella m***a”: Un consiglio non certo seguito, come dimostrano le foto successive inviate dal calciatore. “Ci sono andato”, una dichiarazione correlata da materiale probante: un’immagine dei due a letto assieme. Quanto basta per aver scatenato l’ira del signor Brittes, che a questo punto ha quasi certamente beccato i due in flagrante.

correa

OMICIDIO – E a quel punto l’avviso dell’amico “ti cacceranno, ti ammazzeranno di botte” diventa profetico. Ma forse neanche l’interlocutore di Correa Freitas poteva immaginare che il ventiquattrenne sarebbe finito evirato e fatto a pezzi a colpi di machete. Un omicidio che ha sconvolto un po’ tutto il Brasile, ma per cui dunque è ora quasi assicurato il movente passionale. E poco importa che Brittes continui a sostenere di aver assistito a un atto di violenza da parte del calciatore. Che da una parte si è messo nei guai con le sue mani (e con il suo smartphone), ma che involontariamente e in maniera postuma ha forse anche fatto definitivamente luce sulla dinamica di questo terribile episodio di cronaca.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy