Nigeria, al Mondiale niente contatti con donne russe. Ma non vale per tutti…

Nigeria, al Mondiale niente contatti con donne russe. Ma non vale per tutti…

Niente ragazze russe e niente professioniste. Questo il diktat del CT della Nigeria Rohr, valido per i giorni del soggiorno mondiale delle Super Aquile. Qualcuno, però, è esentato…

di Redazione Il Posticipo

Il messaggio di Gernot Rohr, CT della Nigeria, arriva chiaro e tondo in conferenza stampa. E le sue parole, riportate dalla testata nigeriana Guardian, non sono certo interpretabili. All’interno del ritiro delle Super Aquile, mogli e figli dei calciatori nigeriani sono più che benvenuti. La volontà della Federazione è quella di rendere il soggiorno in Russia il più sereno possibile e la presenza delle famiglie è certamente un qualcosa che ai protagonisti in campo farà molto piacere. Del resto ognuno dei giocatori avrà la sua stanza privata, quindi… Ma a questa libertà c’è un severo contraltare. Divieto assoluto di ingresso…per le donne russe.

SOLO FAMILIARI – Anzi, per la precisione “niente ragazze russe e niente professioniste”. Ecco, Rohr non le ha mandate esattamente a dire. Se qualcuno dei suoi ragazzi verrà pizzicato in compagnia di una donna russa, peggio ancora se una escort, saranno dolori. I 23 ragazzi convocati per il Mondiale, alcuni dei quali molto giovani, sono il futuro del calcio nigeriano e di quello africano. Ma proprio per la loro giovane età sono certamente più…propensi nel cadere in un determinato tipo di trappole. Sorveglianza rafforzata, dunque. Possibilità per mogli e figli di scorrazzare tranquillamente per il ritiro e persino di mangiare con la squadra. Ma non fate avvicinare donne russe o Rohr si arrabbia.

MA MIKEL È ESENTATO – Il divieto, però, non vale per tutti. C’è una sola eccezione, quella di John Obi Mikel, capitano e uno dei grandi vecchi della selezione nigeriana (che tra l’altro ha recentemente dichiarato di voler essere il primo africano a sollevare la Coppa). Per il trentunenne, attualmente in forza al Tianjin Taida non ci sono restrizioni. Favoritismi da parte del CT? Richieste particolari da parte del capitano? Macchè. Il problema è che se Mikel dovesse evitare i contatti con donne russe…non potrebbe vedere sua moglie! Il centrocampista ex Chelsea è infatti sposato con Olga Dyachenko, modella e imprenditrice russa conosciuta nel suo periodo alla corte di Abramovic. La signora Mikel, con tanto di gemelline al seguito, sarà quindi l’unica…padrona di casa ammessa alla corte delle Super Aquile. Per il resto, porte chiuse, anzi. sbarrate.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy