Neymar, prove di Real: tre indizi fanno una prova?

Neymar, prove di Real: tre indizi fanno una prova?

Il ritorno in campo del numero 10 verdeoro con la Seleçao, con tanto di gol annesso, ha scatenato di nuovo una serie di voci, interpretazioni e sospetti vari. E la colpa…è di Modric!

di Redazione Il Posticipo

L’impressione è che, come nell’estate scorsa, la telenovela Neymar ce la porteremo appresso a lungo. Non passa giorno senza che qualcuno (o qualcosa) non indirizzi O’Ney verso una squadra diversa dal Paris Saint-Germain. E il fatto che questa squadra, al momento, sembra essere il Real Madrid, aumenta soltanto il volume delle indiscrezioni. Anche perchè, se la Casa Blanca si mette in testa una cosa, difficilmente non la porta a termine. E naturalmente il ritorno in campo del numero 10 verdeoro con la Seleçao, con tanto di gol annesso, ha scatenato di nuovo una serie di voci, interpretazioni e sospetti vari.

NEYMAR SOTTO OSSERVAZIONE – Non tanto, ovviamente, per la prestazione contro la Croazia, quanto per tre indizi che possono trasformarsi in una prova del passaggio del brasiliano ai Campioni d’Europa. Il primo indizio lo regala AS prima della partita, sostenendo che allo stadio era prevista la presenza di un emissario del Real. Obiettivo, valutare le condizioni di O’Ney al rientro dall’infortunio. Se l’inviato del Real (che secondo la testata spagnola sarebbe lo stesso che avrebbe incontrato Neymar due mesi fa in Brasile) c’era, di certo sarà rimasto soddisfatto. A Liverpool il numero 10 del PSG ha dimostrato sin da quando è subentrato di essere in ottima forma, con la rete a suggellare un ritorno in grande stile. Ma naturalmente, non si ci può fermare qui.

SCAMBIO DI MAGLIA E DI CORTESIE – Il secondo indizio lo regala lo spogliatoio, in cui le macchine fotografiche e le telecamere pizzicano Neymar intento a scambiarsi la maglia, con tanto di dedica e autografi…con Luka Modric, che, guarda caso, gioca proprio con le merengues. Normale però che in un match internazionale le due stelle delle squadre avversarie decidano per un atto di rispetto reciproco. Magari, però, senza dire “Ti aspettiamo!”, frase che potrebbe anche far pensare a un trasferimento… E a questo punto arriva la ciliegina sulla torta. Modric, durante le interviste di rito, non può certo sottrarsi alle domande sul brasiliano… Risposta all’inizio molto diplomatica del croato: “È bello vederlo di nuovo in campo, è uno dei migliori giocatori del mondo. Nel primo tempo ce la siamo giocata alla pari contro il Brasile, ma di certo sono migliorati con l’ingresso di Neymar, che ha fatto la differenza“. E poi è arrivato il tormentone dell’estate: ma alla fine, Neymar giocherà nel Real? Risposta…interpretabile di Modric. Sorriso e…”Vediamo che succede“. L’ultima volta, c’è stata una rivoluzione francese. Che stavolta tocchi alla Spagna?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy