Montiel e la linguaccia di Benedetto: ” In campo non l’ho vista. Ma a fine partita ho pensato che…”

Montiel e la linguaccia di Benedetto: ” In campo non l’ho vista. Ma a fine partita ho pensato che…”

L’esultanza dell’attaccante del Boca resta una delle immagini indimenticabili della finale di ritorno della Copa Libertadores giocata al Santiago Bernabeu. Col senno di poi però il difensore del River ha preso quel gesto piuttosto bene…

di Redazione Il Posticipo

Dopo aver infilato il pallone in fondo al sacco, quella sera Dario Benedetto non è riuscito a trattenersi: gol e linguaccia al difensore del River, Gonzalo Montiel, che di spalle però non si è accorto di nulla. Nel secondo tempo i Millionarios sono tornati in corsa con Pratto, nei supplementari poi non c’è più stata storia: Quintero prima ed El Pity Martinez poi hanno archiviato la pratica, regalando una gioia immensa ai propri tifosi. A distanza di qualche settimana Montiel è ritornato su quella linguaccia… che quella sera è stata la protagonista indiscussa in rete!

POLACCO GALEOTTO? – Quella sera il difensore non si è accorto di nulla prima del fischio finale, come raccontato ai microfoni di Olé: “In campo non la avevo vista perché ero di spalle. E nessun compagno di squadra mi aveva avvertito. L’ho vista appena siamo rientrati negli spogliatoi a fine partita. Stavamo festeggiando e il Polacco (Diego Haliasz, fotografo ufficiale del club, ndr) me l’ha mostrata. In quel momento mi sono un po’ arrabbiato, poi ho visto che avevamo la medaglia al collo, mi è passata e ho continuato a festeggiare con i miei compagni di squadra”.

“NESSUN RANCORE” – Oggi Montiel però non prova nessun rancore nei confronti del suo avversario: “È stato un gesto sprezzante, come può esserlo un insulto. Queste cose succedono in campo. Benedetto non mi ha chiesto scusa e sono convinto che non debba farlo, resterà un particolare di quella finale”. I meme, virali in rete quella sera, rivisti oggi strappano ancora un sorriso a Montiel: “La gente del River è matta come El Pity Martinez”. L’autore del terzo gol, quello che ha blindato la finale in favore dei Millonarios, campioni del Sudamerica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy