Mondiale, anche Hamilton è nel pallone: “Posso saltare la conferenza stampa? C’è l’Inghilterra…”

Mondiale, anche Hamilton è nel pallone: “Posso saltare la conferenza stampa? C’è l’Inghilterra…”

Se c’è qualcuno in Inghilterra che di titoli mondiali se ne intende davvero, di certo è Lewis Hamilton. Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 sa benissimo come si vince e ha fiducia che anche la nazionale di Southgate prenderà esempio dalle sue magie in pista.

di Redazione Il Posticipo

Se c’è qualcuno in Inghilterra che di titoli mondiali se ne intende davvero, di certo è Lewis Hamilton. Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 sa benissimo come si vince e ha fiducia che anche la nazionale di Southgate prenderà esempio dalle sue magie in pista. Ginetto è chiaramente molto carico per i quarti di finale contro la Svezia, ma…ha un piccolo problema. La partita coinciderà con la conferenza stampa post-prove, quella in cui i primi tre classificati delle qualificazioni passano una mezz’ora a rispondere a domande…su una gara che non è ancora avvenuta. Noioso di suo, figurarsi quando in TV c’è l’Inghilterra.

CONFERENZA STAMPA – E quindi, come riporta il Guardian, Hamilton avrebbe chiesto…una dispensa. Non prendere parte alla conferenza stampa, altrimenti sarà costretto a seguire la partita sul cellulare tra una domanda e l’altra. “Qual è la multa se non si partecipa? Si può negoziare? Io vorrei vedere la partita…“. Del resto, di fare quel che vuole il campione in carica potrebbe anche permetterselo, visto che in fondo questo weekend si gioca in casa, a Silverstone. Il piccolo particolare è che non è poi così scontato che in conferenza stampa Hamilton ci debba andare. A meno che non si consideri già tra i primi tre qualificati, un pensiero comprensibile visto il dominio Mercedes degli ultimi anni in Inghilterra, ma che potrebbe fargli affrontare le prove con sufficienza.

FIDUCIA – In ogni caso, la fiducia di Hamilton nei suoi mezzi e nella sua vettura è pari solo a quella che l’inglese ha nei confronti della nazionale di Southgate. Al punto da aver già prenotato un giorno libero per il 15 luglio, quando a Mosca si terrà la finalissima. “Mi sono preso una vacanza, voglio essere in grado di andare in Russia e tifare per i ragazzi“. Esercizio di ottimismo esagerato? Forse. Di mezzo c’è pur sempre la Svezia, che dell’Inghilterra è un po’ la bestia nera. E poi, anche in caso di passaggio del turno, un incrocio pericoloso. La Russia è la padrona di casa e si giocherebbe una storica qualificazione alla finale e la Croazia, Argentina docet, può far male a chiunque. Ma questo a Ginetto importa poco. Lui si è già organizzato. Niente conferenza e viaggio a Mosca fra due domeniche. Vedremo se tutti rispetteranno le sue attese. L’Inghilterra, ma anche lui e la Mercedes…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy