Milan, prima Giuntoli e poi…

Milan, prima Giuntoli e poi…

Lo scenario rossonero si starebbe ribaltando: Mirabelli non godrebbe più della fiducia della società che si guarda intorno. E se con Giuntoli arrivasse Sarri?

di Redazione Il Posticipo
muriel

Milan, si riapre una trattativa con il Napoli. Questa volta, però, non riguarderebbe né Mario Rui, né Callejon. La nuova dirigenza avrebbe individuato in Giuntoli l’uomo ideale per il post Mirabelli.

SCADENZA – E l’attuale direttore sportivo rossonero? Ottima domanda. La sua posizione non sarebbe più solida, specialmente dopo la sconfitta con il Benevento e il mercato della passata stagione che ha consegnato, di fatto, un Milan incompleto. Montella ci ha messo del suo, ma anche Gattuso, quando i nodi sono venuti al pettine, si è ritrovato nelle stesse condizioni del suo predecessore. Dopo un mercato faraonico, il Milan si ritrova al punto di partenza. Quanto basta per fissare una scadenza del rapporto? E forse ci si è pentiti anche del rinnovo per tre anni a Gattuso sull’onda emozionale dei risultati ottenuti? L’unica certezza è che dopo 238 milioni di euro ci si attendeva qualcosa di diverso. E che il futuro di Mirabelli sia quanto mai in discussione.

GIUNTOLI – Ma perché proprio Giuntoli? Nell’idea della proprietà cinese è il successore ideale di Mirabelli. Scova i giocatori senza spendere molto e li sceglie non in base ai nomi ma alle caratteristiche richieste dagli allenatori. Vende bene e acquista meglio e difficilmente sbaglia un’operazione. Anche se, ultimamente, a Napoli, di mercato, non è che se ne faccia molto. In questo senso è possibile anche uno scenario, allo status quo impensabile. Giuntoli porterebbe con sé Sarri? Una scelta che sarebbe quasi logica per una società che non può investire molti soldi e deve lavorare sulle idee.

SARRI? – In questo senso, la coppia sarebbe perfetta. Massimo risultato con minimo esborso. Resta però un problema: Gattuso. Il tecnico ha un contratto sino al 2021 e guadagna due milioni di euro l’anno. Ha promesso, ma a Mirabelli, che non sarà mai un problema qualora gli scenari cambiassero. E con i cinesi? La sensazione è che si debba attendere la fine di maggio quando il destino (e i risultati) saranno i migliori indicatori di direzione per il futuro rossonero…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy