Milan la…resa dei conti

Milan la…resa dei conti

Il Milan ha rinnovato il contratto a Gattuso, ma adesso deve ricostruire una squadra anche attraverso le indicazioni del tecnico. Conti alla mano, però, un big dovrà lasciare…

di Redazione Il Posticipo

Il Milan riparte da Gennaro Gattuso. Il futuro è adesso, ma è innegabile che nei prossimi mesi la società, aiutata anche dal proprio tecnico, sia costretta a valutare la situazione. In questo senso, vi è una…resa dei conti. Nel senso pieno del termine. Se l’UEFA non concederà sconti, visto che la Champions sembra una chimera, qualche big dovrà lasciare Milanello.

Donnarumma e Suso addio Milan?

I principali indiziati a svuotare gli armadietti per sistemare immediatamente i conti sono i giocatori capaci di fare la differenza. Dunque, Donnarumma e Suso. Il portiere e l’esterno, capaci, da soli, di risolvere la partita in campo…e fuori. La scelta, tuttavia, sarebbe ponderata. Al netto delle prodezze, lo spagnolo ha disputato un girone di ritorno largamente inferiore alle attese e la sua clausola rescissoria è importante ma non inaccessibile. Trentotto milioni sono tanti, ma non impossibili da pagare per un top club. Suso ha tanti ammiratori in Italia e all’estero e non avrebbe alcun problema a piazzarsi altrove. Anche l’addio di Donnarumma, tutto sommato, sarebbe sopportabile. Per certi versi preventivato, quasi messo in conto. L’arrivo di Reina è un indizio importante e molti tifosi hanno già preso atto della situazione. Gigio potrebbe portare nelle casse una sessantina di milioni di euro. Che, sommati alla clausola di Suso, genererebbero un ricavo di 100 milioni.

E gli altri? Kalinic, Bonaventura e Rodriguez

Non è detto, però, che partano entrambi i big. Vi sono diversi uomini che non hanno convinto Gattuso o che sono comunque in procinto di lasciare il Milan. In cima alla lista c’è Kalinic, mai ambientatosi e lontano anni luce dalle simpatie dei tifosi. Nessuno si strapperebbe i capelli senza l’apporto del centravanti croato, che ha molto mercato in Cina, dove sono pronti a costruirgli ponti d’oro. Il croato ha già rifiutato l’ipotesi orientale ma non disdegnerebbe di piazzarsi in Spagna, dove Montella lo attende con ansia. Il suo principale sponsor a Milano ha bisogno di un’attaccante a Siviglia. Se gli spagnoli pareggiano l’offerta alla richiesta di 20-25 milioni, l’affare potrebbe concretizzarsi. Infine occhio a Bonaventura e Rodriguez che non hanno convinto al 100% ma non sono neanche considerabili, al momento, come cedibili. Certamente, però, arrivassero offerte interessanti, il Milan ne parlerebbe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy