Mihajlovic bruciato in sette giorni, lo Sporting gli revoca l’incarico!

Mihajlovic bruciato in sette giorni, lo Sporting gli revoca l’incarico!

Dopo una settimana dall’annuncio della sua firma, la dirigenza dello Sporting Lisbona sta per rendere pubblico che Sinisa Mihajlovic non sarà il tecnico dei biancoverdi. La nuova guida del club avrebbe deciso di “cancellare” la decisione riguardo al tecnico, considerata una scelta della dirigenza precedente.

di Redazione Il Posticipo

Clamoroso all’Alavalade. Dopo una settimana dall’annuncio della sua firma, la dirigenza dello Sporting Lisbona sta per rendere pubblico che Sinisa Mihajlovic non sarà il tecnico dei biancoverdi. Lo riporta Record, ripreso da AS, secondo cui, dopo aver esautorato dai suoi compiti l’ex presidente Bruno de Carvalho, la nuova guida del club avrebbe deciso anche di “cancellare” la decisione riguardo al tecnico, considerata una scelta della dirigenza precedente. La Commissione di Gestione dello Sporting, con a capo José de Sousa Cintra, ha quindi scelto di revocare l’incarico al tecnico serbo per i prossimi tre anni e dovrebbe comunicarlo nelle prossime ore.

PERIODO DI PROVA – Da quel che riporta Record, la posizione del serbo non sarebbe infatti inattaccabile, considerando che il tecnico non ha ancora iniziato a svolgere le sue mansioni e che i suoi collaboratori non hanno ancora firmato. In ogni caso pare che il club sia intenzionato a cercare un accordo con Mihajlovic, che secondo AS è ancora nel periodo di prova di quindici giorni previsto dal contratto con lo Sporting. Contratto che prevedeva per l’allenatore quasi due milioni di euro per il serbo per tre stagioni. Il tempo limite per la decisione della Commissione era il 3 luglio, ma si è evidentemente deciso di anticipare i tempi e risolvere subito il contratto. Resta da vedere se sarà possibile raggiungere un accordo tra le parti o se sarà battaglia.

DELNERI – C’è infatti un precedente molto simile, quello che riguarda Luigi Delneri nel 2004, quando il Porto lo aveva messo sotto contratto per sostituire José Mourinho. Per il tecnico friulano l’esonero da parte del club portoghese arriva dopo due mesi dalla firma, ancor prima di iniziare la stagione, a causa di dissapori con la società riguardo la gestione della squadra. Delneri si rivolge alla FIFA, che decide di “patrocinare” un accordo tra club e allenatore, che alla fine viene indennizzato con seicentomila euro. Chissà se con Sinisa accadrà la stessa cosa o se sarà lotta senza quartiere da parte di Mihajlovic per far valere il suo contratto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy