Mesut Özil messo sul mercato per aver… insultato Emery

Mesut Özil messo sul mercato per aver… insultato Emery

È incredibile come Mesut Özil, all’Arsenal, stia diventando più un problema che una risorsa ma si pensa che la situazione non durerà a lungo: l’Arsenal lo mette sul mercato per aver… insultato Emery.

di Redazione Il Posticipo

In ogni squadra al mondo, anche in quella che può vantare una rosa di 20/23 autentici fenomeni, c’è sempre…il più forte di tutti. All’Arsenal, quel tipo di giocatore è rappresentato senza ombra di dubbio dal buon Mesut Özil, che però negli ultimi tempi sta facendo parlare di sé più in negativo che in positivo. La stagione appena conclusa è una di quelle da dimenticare a tutti i costi per il tedesco di origini turche, ma potrebbe addirittura essere l’ultima. Almeno con la maglia dell’Arsenal. Il numero 10 potrebbe finire sul mercato per aver insultato Emery.

FINALE, IN TUTTI I SENSI – Durante la finale di Europa League contro il Chelsea, il trequartista dei Gunners è riuscito a fare ben poco. Nessun assist, né passaggi decisivi a compagni che poi hanno sprecato, né tiri in porta e neanche leggermente fuori dallo specchio… oltre ad aver perso anche qualche pallone in mediana che sarebbe potuto costare carissimo. Sarà per questo che al 32′ del secondo tempo, Unai Emery ha deciso che la partita del tedesco si sarebbe chiusa lì. Özil, però, quando ha visto il numero 10 sulla lavagnetta del quarto uomo ha cambiato espressione e a testa bassa, molto lentamente (il risultato era già sfavorevole) si è avvicinato alla panchina.

NON SEI… – Al posto di Özil subentrava il giovanissimo prospetto Joe Willock che, oltre all’impegno mostrato, si è guadagnato una presenza in finale di Europa League a 19 anni. Ma il tedesco non è riuscito ad accettare che il suo allenatore privasse la sua squadra del suo uomo migliore… almeno sulla carta. E così, stando a quanto riporta il sito turco Fanatik, il calciatore avrebbe detto ad Emery: “Ti giuro, tu per me non sei un allenatore“. Il Daily Star è convinto che l’allenatore basco sia arrivato al limite con il giocatore e che avrebbe deciso di metterlo sul mercato qualora la situazione non rientrasse. Certo, è complicato pensare di riaggiustare una questione del genere: il 10 si è lamentato per tutta a stagione dello scarso minutaggio concessogli. Ma è pur vero che, quando il coach gli ha dato spazio, Özil non ha proprio mandato segnali di indispensabilità per l’economia di gioco. E così dovrebbe partire. Trattandosi del giocatore di maggior valore, l’Arsenal potrebbe incassare un grosso capital, ma soprattutto risparmiare sul suo faraonico ingaggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy