Di Maria in crisi per i meme? Meglio evitare l’Italia

Di Maria in crisi per i meme? Meglio evitare l’Italia

Di Maria confessa di aver avuto bisogno dello psicologo per superare il trauma delle critiche ricevute dai “meme”. Beh, il ragazzo è in buona compagnia…

di Redazione Il Posticipo

In analisi per un meme? Nel calcio 2.0 accade anche questo. Vi sono giocatori particolarmente sensibili ai fischi, altri alle prese in giro sui social. È il caso di Angel Di Maria: il calciatore argentino del PSG è rimasto particolarmente scosso da alcune vignette che lo ritraevano, a tal punto da richiedere l’aiuto di uno specialista. La confessione durante una intervista rilasciata ad AS in cui confessa di aver avuto bisogno di un aiuto terapeutico per superare le critiche. Di Maria comunque è in buona compagnia. E comunque ogni squadra ha il proprio tartassato Il sarcasmo dei tifosi, a volte sa essere davvero graffiante.

Bonucci e gli equilibri

A proposito di psicologia,Leonardo Bonucci entra di diritto fra i più tartassati per le sue frasi “motivazionali” che gli si sono ritorte contro. Le vignette su di lui non si contano. Un vero e proprio bersaglio mobile del web. Il ragazzo però sembra aver superato il momento difficile.  

Dzeko, per i gol sbagliati

Edin Dzeko non ha mai convinto del tutto i tifosi romanisti, che spesso non gli  lesinano critiche, anche feroci, sul web. Quando sbaglia un gol non gli si perdona nulla. Ironia corrosiva che avrebbe abbattuto anche un toro. Lui però continua a giocare e segnare.

Higuain, altro bersaglio facile

Un altro “bersaglio mobile” è Gonzalo Higuain. Anche lui ha il suo bel da fare per acquietare i tifosi, specialmente quando, e gli capita piuttosto spesso a inizio campionato, deve fare i conti con la bilancia. Poi però ritrova la forma e sono dolori per tutti…

Buffon, e le finali di Champions

Il web non risparmia nemmeno un totem del calcio italiano come Gigi Buffon. La finale persa a Cardiff è divenuta un “cult” d’ispirazione. SuperGigi però non molla. E darà l’ultimo assalto all’unico trofeo che gli manca in carriera.

Lotito e il derby spostato

Non solo giocatori. Anche i presidenti pagano dazio alla satira. Basti pensare al derby spostato da Lotito, affinchè la Lazio godesse di un giorno di riposo in più nella stracittadina che sarebbe valsa la Champions diretta. Ottenuto lo slittamento, la Lazio ha comunque perso. E il presidente è finito in pasto ai vignettisti. La squadra di Pioli raggiungerà comunque i play off, sbancando il San Paolo la giornata successiva.

Candreva, il re dei cross sbagliati

Di Maria sarebbe stato accolto ben volentieri all’Inter. Anche perché avrebbe sostituito Candreva che ha esasperato i tifosi dell’Inter in seguito ai tanti cross sbagliati. Ecco, forse se l’argentino è cosi sensibile, meglio non avvicinarsi troppo all’Italia, dove arguzia, sarcasmo e cinismo viaggiano di pari passo e la presa in giro è corrosiva come pochi. In questo caso, il povero Candreva resta un problema insoluto. O meglio, la soluzione per evitare di soffrire di mal di meme, forse  è la più semplice: riderci su.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy